In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
IL LIBRO INCHIESTA

Un viaggio nell’Italia dove governano le donne

Paola Dalle Molle
2 minuti di lettura

Un viaggio attraverso le regioni d’Italia, fra le donne che ricoprono ruoli istituzionali e amministrativi per capire dove nella politica nasce il gap – molto poco descritto – che ci vede in netta minoranza rispetto alla parte maschile. È uscito nelle scorse settimane, il libro-inchiesta firmato dalla giornalista Fabiana Martini, Il governo delle donne. Viaggio tra le amministratrici locali italiane edito da Vita Activa Nuova con la prefazione di Daniela Brogi e la postfazione di Marco Damilano.
 

L’autrice presenterà il volume oggi, giovedì primo dicembre alle 20.30, in Sala Petris al Centro Balducci di Zugliano, dialogando con Barbara Zilli, assessora regionale, Ilaria Dal Zovo, consigliera regionale e Manuela Celotti, sindaca di Treppo Grande con la moderazione di Anna Piuzzi. Fabiana Martini dal 2011 al 2016 è stata vicesindaca del Comune di Trieste. Portavoce regionale per Articolo 21, si batte per i diritti civili, la libertà di stampa e la parità di genere.

Da quale riflessione nasce il libro? Tra l’altro pensato nel 2016 e avviato nel 2018.

«A oltre 70 anni dal primo voto delle italiane e dal decreto che ne ha sancito l’eleggibilità, in Italia solo il 15% delle città sono guidate da donne: molti soffitti di cristallo sono stati rotti, una donna nel frattempo, è andata nello spazio, ma il potere resta saldamente in mano agli uomini, che fanno incetta di spazi e non hanno alcuna intenzione di lasciarli, quelli più importanti in particolare: non è un caso che in nessun Comune superiore ai 200 mila abitanti ci sia in questo momento una sindaca».

Cosa ostacola la partecipazione femminile al governo dei territori?

«In un viaggio che ha toccato tutte le regioni italiane ho interpellato 21 amministratrici locali, tante quante le Costituenti, con la speranza che la politica si renda conto di quante Ferrari sta lasciando in garage, di quanto più veloce potrebbe correre il nostro Paese se utilizzasse tutte le risorse a disposizione e non solo la metà. Non solo le donne che ricoprono questi ruoli sono ancora poche. Ma incontrano svariate difficoltà: la faticosa quando non impossibile conciliazione, la mancanza di visibilità, molti pregiudizi culturali, fatica. E dove le donne ci sono invece, si tende a pensare a una felice eccezione. Mentre sarebbe ora di pensarla come la normalità, ovvero una possibilità a portata di tutte e non solo destinata a delle wonder woman».

Cosa ha imparato scrivendo questo libro?

«Ho imparato che la passione può smuovere le montagne, ma raramente e comunque, sempre lentamente, la burocrazia. E che per fare politica serve coraggio, innanzitutto il coraggio di esporsi allo sguardo altrui, come direbbe Hannah Arendt. Il coraggio necessario per affermare che la politica nonè una cosa da maschi, anche se al momento è forse la cosa più maschilista. Spero che questo piccolo viaggio, che di certo è solo un inizio, possa contribuire a togliere almeno in minima parte le donne, in particolare le amministratrici locali, dall’invisibilità, che è a tutti gli effetti una forma di violenza, e a offrire quello sguardo sul mondo che manca, a trasformare l’immaginario. Perché – come dice Rebecca Solnit – la rivoluzione comincia da lì».

I commenti dei lettori