In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
il libro

Guido Crainz racconta guerre e nazionalismi: l’Europa si misuri con il suo passato per potersi realizzare

Lo scrittore ripercorre trent’anni di storia. Una guida che aiuta a orientarsi in decenni di deriva culturale

ANDREA ZANNINI
3 minuti di lettura

Chi si sentisse sperduto dal ritorno della guerra nel cuore dell’Europa, dalla dialettica tra nazionalismi, europeismi, richiami storici e interessi economici, ha ora a disposizione una guida che aiuta ad orizzontarsi in trent’anni di deriva culturale, prima che politica, del continente: Ombre d’Europa. Nazionalismi, memorie, usi politici della storia (ed. Donzelli), di Guido Crainz.

Si tratta di un libro importante, costruito su un tessuto di fatti che si sono svolti sotto i nostri occhi negli ultimi decenni, ma riordinati sulla base di domande storiche che si possono riassumere in alcune secche proposizioni: che Europa vogliamo costruire? Come fare per superare i problemi e le difficoltà che ogni giorno sembrano aumentare? E, in questo scenario, quali sono le responsabilità e i compiti della cultura?

Lo storico udinese prende le mosse dall’euforia dell’89, dal senso di liberazione generato dalla dissoluzione della cortina di ferro, che condusse a Maastricht e alla moneta comune europea.

Che l’auto-abolizione del socialismo reale non fosse un pranzo di gala lo si capì tuttavia di lì a poco, con le guerre post-jugoslave e l’incapacità di Bruxelles di dar corpo a una politica estera comune.

Il precario equilibrio sociale dell’Europa centrale e della Russia fu inghiottito nel decennio selvaggio delle liberalizzazioni e del malaffare. Le incerte democrazie post-comuniste chiesero l’aggregazione alla UE, e nessuno ebbe cuore di negare il salvagente.

In quel momento, sottolinea Crainz, si giocò una partita importante.

L’Europa che veniva dai Patti di Roma del 1957 avrebbe dovuto capire che non si trattava semplicemente di aggregare dei numeri, passare da un’Unione a 15 a una a 25, ma di cambiare la natura stessa dell’integrazione.

Come osservò Václav Havel, bisognava dar vita a un sistema che non fosse quello creato sulle esigenze europee occidentali, altrimenti la divisione dell’Europa si sarebbe perpetuata sotto altre forme.

Pensiamo – si potrebbe aggiungere – a cosa abbia significato, dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia, il mantenimento con la medesima formula della Nato, e cosa abbia provocato il suo progressivo allargamento a est: la Russia putiniana è stata incoraggiata a percepirsi come ciò che non doveva essere più, cioè l’Urss.

Da storico e intellettuale, Crainz si chiede cosa si possa fare per combattere il disincanto europeo e costruire, nella sostanza, l’integrazione europea. Individua nelle memorie civili e nel rigetto dell’uso politico della storia - non “uso pubblico”, la storia è sempre stata pubblica - due chiavi di volta.

L’Europa non può realizzarsi senza misurarsi onestamente e a fondo con il suo doloroso passato.

Contano, così, gli atti simbolici, compiuti da personalità istituzionali, come il coraggioso discorso del presidente tedesco Roman Herzog nel1994 nel ghetto di Varsavia, che riprendeva una lettera dei vescovi polacchi e chiedeva perdono «per quello che è stato fatto a voi dai tedeschi».

Ma al tempo stesso “perdonava” i Paesi dell’Europa centrale responsabili dell’espulsione dopo il 1945 di 12-13 milioni di tedeschi, una tragedia che assunse anche la forma della deportazione e provocò centinaia di migliaia di morti. Uno scenario in cui si colloca anche l’esodo degli italiani dalle coste adriatiche dopo il 1943.

Non si tratta, sottolinea Crainz, di costruire una memoria comune ma di conoscere e comprendere le memorie altrui.

Questa visione aperta della storia, disposta ad affrontare anche i nodi più scomodi e controversi, è l’esatto contrario di quanto si sta affermando di là e di qua dei confini Schengen.

In Russia, dopo una breve stagione pluralista, Putin, attraverso il controllo statale dei manuali scolastici e la messa fuori legge di associazioni come Memorial, che denuncia i crimini sovietici, ha imposto una storia centrata sulla mitografia della “grande madre Russia” e il suo destino imperiale dai Romanov a oggi.

Questa «politica della storia» è un tratto comune anche di paesi della UE, o che aspirano a entrarvi, dall’Ungheria di Orbán alla Polonia di Diritto e Giustizia, alle ex repubbliche jugoslave o alla Slovacchia.

L’indipendenza della nazione non vi è descritta come un processo storico ma come un diritto naturale del «popolo», rivendicato con tinte emotive e vittimistiche, nel più puro stile ottocentesco.

Con in più il fatto che, repressa in passato dall’internazionalismo, la storia nazionale assume i tratti di una verità lungamente nascosta e dunque indiscutibile.

Naturalmente, alla base di tutto, vi sono la Shoah, i Gulag e i totalitarismi europei.

Il problema non è fare i conti con le proprie tragedie ma con le proprie responsabilità. Così ad est si fatica a sentirsi corresponsabili della Shoah, in Polonia una legge vieta di dire che Auschwitz e gli altri campi erano polacchi, in Russia l’ignominia del patto Molotov-Ribbentropp e della spartizione della Polonia è un tabù, e via dicendo, fino all’auto-assolvimento nostrano dai crimini di guerra secondo la formula del cattivo tedesco e del buon italiano.

Non si tratta, conclude Crainz pensando soprattutto all’insegnamento scolastico ai futuri cittadini europei, di ridurre le storie d’Europa a una narrazione unica, di comprimere le diverse memorie in una sola, artificiale “memoria condivisa”.

Bensì di creare un terreno transnazionale e aperto per studiare e comprendere la storia di tutti. Un’assunzione di impegno che Ombre d’Europa compie in prima persona.

I commenti dei lettori