In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L’iniziativa

A Udine nasce l’archeologia pubblica: incontri, laboratori ed eventi teatrali

Il progetto di Uniud e Comune nell’ambito della mostra in Castello dedicata all’antica Assiria

2 minuti di lettura

Un gruppo di visitatori alla mostra dedicata all’antica Assiria in Castello a Udine

 

UDINE. La centralità dei pubblici è una esigenza sempre più avvertita dalla comunità museale ed ha trovato di recente una specifica conferma nella nuova definizione di Museo, approvata a Praga lo scorso 24 agosto 2022 nell’ambito dell’Assemblea Generale Straordinaria di Icom (International council of museums), durante la sua 26a Conferenza Generale.

La definizione è stata raggiunta a seguito di un lungo processo partecipativo che ha coinvolto 126 Comitati nel mondo e ha posto l’attenzione su alcune parole chiave che sono entrate con forza a far parte della dimensione museale: accessibilità, inclusività e sostenibilità.

L’enunciazione, nella sua seconda parte, ha spostato l’attenzione sulla comunicazione etica e professionale, esprimendo chiaramente la necessità di una partecipazione delle comunità a cui vanno offerte esperienze diversificate per l’educazione, il piacere, la riflessione e la condivisione di conoscenze.

Se accessibilità, inclusività e sostenibilità sono già patrimonio consolidato dei Civici Musei di Udine (il Progetto Come-In!), un’occasione di cambiamento di governance e di democratizzazione delle istituzioni museali attraverso nuove forme di comunicazione possono ora essere sperimentati e tradotti in azioni concrete grazie all’alleanza tra i Musei Udinesi e l’Università di Udine.

A margine della mostra “Dal centro dell’impero. Nuove scoperte archeologiche dell’Università di Udine nell’antica Assiria”, aperta al pubblico in Castello a Udine sino al 30 aprile, è nato infatti un Progetto di Archeologia Pubblica, un processo di partecipazione attiva e inclusiva dei pubblici che mira alla costruzione della conoscenza, alla tutela e alla fruizione del patrimonio archeologico.

La mostra costituisce infatti un’occasione di contatto e conoscenza tra diversi pubblici e un vasto progetto di ricerca scientifica internazionale sostenuto da molti enti del territorio (Regione, Provincia di Udine, Fondazione Friuli, Livio Felluga) e ha lo scopo di restituire ai cittadini della regione, e più in generale dell’intero paese, i risultati delle campagne condotte negli ultimi 10 anni dagli archeologi udinesi nel moderno Iraq, l’antica Assiria.

Questa esposizione ha fornito anche l’opportunità per sperimentare nuovi approcci e metodi nel campo dell’Archeologia pubblica, che in questo caso rappresenta ancor più una sfida in quanto la ricerca archeologica che si vuole avvicinare al pubblico si svolge in aree remote e poco conosciute, distanti geograficamente e anche in una prospettiva socio-culturale.

Attraverso la progettazione dell’impianto espositivo, di eventi divulgativi interattivi e rivolti a un vasto pubblico di adulti, ma anche bambini e ragazzi, e la conseguente raccolta dati sull’impatto della mostra, il progetto si pone l’obiettivo di valutare l’esito dell’iniziativa e sviluppare nuove linee guida per l’applicazione di migliori prassi negli ambiti museale e dell’archeologia partecipativa.

Questo processo di partecipazione attiva e inclusiva inizierà con l’organizzazione di otto eventi di approfondimento e divulgazione scientifica gratuiti e aperti al pubblico, che si terranno da oggi alla Casa della Contadinanza sul Colle del Castello di Udine (si veda il programma a fianco).

Parallelamente, altre iniziative come laboratori didattici per le scuole (a cura dei Servizi Educativi dei Civici Musei di Udine), visite alla mostra guidate dagli archeologi che hanno partecipato in prima persona alle scoperte archeologiche presentate e visite teatralizzate (a cura dell’associazione A.C.CulturArti) amplieranno ulteriormente le possibilità di interazione tra gli archeologi e il grande pubblico. —

Daniele Morandi Bonacossi, Francesca Simi, Luigi Turri e Paola Visentini

I commenti dei lettori