In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Teatro

Remo Girone racconta Simon Wiesenthal, il cacciatore di nazisti

Lo spettacolo al Nuovo tratto dal testo di Giorgio Gallione. L’attore: «Sarà una wunderkammer della memoria»

mario brandolin
2 minuti di lettura

Remo Girone nello spettacolo al Nuovo di Udine @salvatorepastore

 

UDINE. In prossimità del Giorno della memoria, il Teatro Giovanni da Udine oggi alle 20.45 e il 25 alle 11 e il Centro Civico di San Vito al Tagliamento il 26 alle 20.45 presentano “Il cacciatore di nazisti”, un testo che Giorgio Gallione, anche regista, ha tratto dagli scritti e dalle memorie di Simon Wiesenthal.

Un sopravvissuto all’Olocausto, che una volta uscito vivo da quell’inferno, decise di dare la caccia ai più spietati criminali nazisti consegnando al giudizio del mondo e alla giustizia circa 1.100 criminali nazisti, responsabili della morte di oltre 11 milioni di esseri umani, di cui ben sei di ebrei. «Il cacciatore di nazisti è un tentativo epico e civile per combattere la rimozione e l’oblio», afferma Giorgio Gallione.

Che era poi quello che speravano i nazisti, convinti peraltro che, continua Gallione, «nessuno avrebbe creduto ai racconti di coloro che fossero eventualmente scampati alla morte nei lager, tanto erano mostruosi i fatti che lì vi accadevano. Argomento che le SS usavano come potente arma psicologica per fiaccare di più l’animo degli internati nei lager».

E preservare «la memoria di quello che è accaduto – gli fa eco Girone che è l’interprete – è il compito che si era prefisso lo stesso Wisenthal, convinto che qualora si perdesse traccia di quanto accaduto, lo stesso potrebbe ripetersi».

Che uomo era Wiesenthal? Ancora Girone: «Era un uomo modesto, non si è mai considerato un eroe, dotato di una certa dose di autoironia, che in fondo è da sempre l’arma di salvezza degli ebrei. Molto determinato però nella ricerca dei criminali nazisti. Una determinazione senza rabbia o desiderio di vendetta: quello che lo muoveva era soltanto i bisogno di fare giustizia. Anche se Wiesenthal lamentava di averne scovati solo il 5% di quanti erano implicati nello sterminio degli ebrei. Un lavoro, meglio una missione la sua, che non deve essere stato per niente facile dovendo muoversi tra molte reticenze minacce e boicottaggi, anche violenti, come la bomba con cui i neonazisti gli gli fecero saltare la casa».

Lo spettacolo è ambientato nel 2003 a Vienna, al Centro di documentazione ebraica fondato da Simon Wiesenthal, qui evocato da una sorta di installazione d’arte, con pile di schedari, scaffali che archiviano 22.500 nomi di SS, una scrivania ma anche con elementi allusivi, come una parete con degli occhi e tante fotografie. «Una wunderkammer della memoria – così Girone – in cui l’uomo si rivolge al pubblico, ripercorrendo episodi emblematici di 58 anni di ricerca e smascheramento dei nazisti fuggiti all’estero con la complicità di tanti e nella stessa Germania spesso sotto falso nome. Episodi come quelli che hanno portato alla cattura tra i tanti di Karl Silberbauer, il sottoufficiale della Gestapo che arrestò Anna Frank, di Franz Stangl, comandante dei campi di Treblinka e Sobibor, e di Adolf Eichmann, l’uomo che pianificò quella che Hitler amava definire “la soluzione finale”. Ma anche le testimonianze di coloro che hanno vissuto l’esperienza terribile dei campi, come quella narrata da Masha Rolnikaite, una giovane lituana nel libro Devo raccontare. Diario 1941-1945. O il messaggio, che leggo sul finale, messaggio realmente ritrovato da Wiesenthal tra gli effetti personali di una giovanissima vittima: ‘Non dimenticatemi mai. Mi fido di voi’, a ribadire l’assoluta necessità di mantenere vivo il ricordo, la memoria del genocidio e della Shoah». —

I commenti dei lettori