Carraro, nei sei mesi margini e utile in calo

Il gruppo ha chiuso il primo semestre con ricavi in aumento del 5,7% a 328,4 milioni, con i mercati di riferimento che confermano le prospettive di crescita dei volumi trainati soprattutto dall’area asiatica

Il gruppo ha chiuso il primo semestre con ricavi in aumento del 5,7% a 328,4 milioni, con i mercati di riferimento che confermano le prospettive di crescita dei volumi trainati soprattutto dall’area asiatica.

L’ebitda è diminuito del 14,4% a 29,1 milioni, con una marginalità all’8,9% (-210 punti base), mentre l’ebit è passato da 23,8 milioni a 19,7 milioni, con un ros al 6% (-170 punti base).

Sulla marginalità hanno inciso la crescita dei prezzi delle materie prime, un mancato adeguamento della supply chain all’incremento delle vendite e l’effetto dell’accelerazione dei costi di ricerca e sviluppo. Il semestre si è chiuso con un utile di 6,7 milioni, rispetto ai 10,4 milioni del pari periodo 2017.

L’indebitamento finanziario netto è risultato pari a 156 milioni, in aumento rispetto ai 145,9 milioni al 31 dicembre 2017 a causa dell’incremento del capitale circolante per effetto dei maggiori volumi e di alcune difficoltà di approvvigionamento.

Patate ripiene di pomodori secchi e ricotta

Casa di Vita