Massimo Zanetti, utile netto in progresso, calano i ricavi

Massimo Zanetti, presidente e ad Massimo Zanetti Beverage Group

I ricavi del gruppo famoso del caffè Segafredo vanno a 434,4 milioni euro, in calo del 8,7%. L’utile netto sale del 62,3% a 7,1 milioni di euro. Confermate le aspettative di crescita

TREVISO. Massimo Zanetti Beverage Group ha chiuso il primo semestre dell'anno con un utile netto di 7,1 milioni di euro, in crescita del 62,3% rispetto allo stesso periodo del 2017. I ricavi del gruppo famoso del caffè Segafredo si sono attestati a 434,4 milioni euro, rispetto a 475,6 milioni registrati nel primo semestre del 2017, in calo del 8,7% a cambi correnti e del 3,3% a cambi costanti, rispetto al primo semestre del 2017.

«Sulla base di questi risultati - ha commentato il presidente e ad Massimo Zanetti - confermiamo l'aspettativa di una solida crescita della redditività per l'esercizio».

«Nel primo semestre del 2018 – continua - abbiamo registrato una crescita a doppia cifra dei principali indicatori di profittabilità: il margine operativo lordo aumenta di oltre il 10% e l'utile netto di oltre il 60%. Il fatturato riportato nel semestre, sostanzialmente stabile su base omogenea (-3% rispetto al primo semestre del 2017) evidenzia il continuo miglioramento del mix delle vendite che ha generato una espansione positiva della marginalità».

La flessione dei ricavi, recita la nota stampa, è imputabile soprattutto alla diminuzione dei volumi di vendita del caffè tostato (-1,6%), e al decremento dei prezzi di vendita conseguente al calo del prezzo medio di acquisto del caffè verde. Il risultato operativo lordo (ebitda) è stato pari a 32,1 milioni di euro (con un'incidenza del 7,4% sul fatturato) rispetto a 29,1 milioni del 2017 (6,1% del fatturato), registrando una crescita del 10,2% rispetto al primo semestre del 2017. La crescita è stata dettata in particolare all'aumento del Gross Profit. L'ebit è pari a 14,1 milioni, +30,2% rispetto al primo semestre del 2017).

L'indebitamento Finanziario Netto, pari a 190,7 milioni, è stabile rispetto ai 191,0 milioni del 31 dicembre 2017. In considerazione dei risultati conseguiti nel primo semestre e sulla base degli andamenti a oggi osservabili, le aspettative relative alle performance del Gruppo nell'intero esercizio, in ipotesi di assenza di operazioni straordinarie, sono per ricavi stabili rispetto allo scorso esercizio; un incremento dell'ebitda adjusted stimato nell'ordine del 5,0%-8,0%; una riduzione dell'indebitamento finanziario netto sotto i 180 milioni di euro.

Tutte le aree geografiche e tutti i canali di vendita riportano volumi in crescita, ad eccezione del mercato americano, in calo del 5%: in particolare l'Asia Pacifico riporta volumi in significativo aumento (+12%). Mentre il canale Food Service mostra un andamento positivo in tutti i mercati.
 

Patate ripiene di pomodori secchi e ricotta

Casa di Vita