In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
PROVA
Tutela dei consumatori

Dalla produzione agli scarti, così il prosciutto San Daniele è green

alessandra beltrame
Aggiornato 2 minuti di lettura
(reuters)

La vaschetta del salume preaffettato ha il codice QR che ti dice dove e quando è stata prodotto il prosciutto e perfino da dove viene il maiale. Oggi se ne producono 25 milioni e i dieci laboratori di affettamento sono tutti a San Daniele del Friuli.

È il settore di maggiore crescita: «La richiesta per il prodotto preconfezionato è alta e noi ci siamo adeguati, fornendo però informazioni precise al consumatore che è sempre più consapevole e attento. Non mi pare che ci siano produzioni analoghe che offrano questo», dice il direttore del Consorzio, Mario Emilio Cichetti.

Innovativo è anche il sistema di gestione dei rifiuti, ovvero dei reflui prodotti dai prosciuttifici, che sono le salamoie e i sali usati per la stagionatura: «In ottobre – prosegue Cichetti – inizieremo i lavori di un nuovo impianto di trattamento che li trasformerà in sale per l’industria, per le concerie e come antighiaccio da spargere sulle strade, un’operazione di economia circolare molto soddisfacente. Ma già da 15 anni il Consorzio si occupa della raccolta e dello smaltimento dei reflui da ciascuno dei 31 prosciuttifici associati, nulla finisce nell’ambiente».

Così per l’energia: dal 2000 l’acquisto è gestito con un unico contratto, con evidenti vantaggi economici e un utilizzo più razionale che ha ridotto i consumi. Venendo alla preziosa coscia, il celebre prosciutto di San Daniele Dop con lo zampino, che lo distingue dagli altri (ma ha anche una precisa funzione poiché «agevola il drenaggio del salume» e mantiene «l’integrità biologica della coscia»), l’originalità sta piuttosto nella sua immutata formula di produzione.

Da tempi immemori si fa come una volta, con la sola aggiunta di sale marino e la stagionatura (minimo 13 mesi) nello speciale microclima dell’anfiteatro morenico friulano, fra l’aria fresca che scende dalle Prealpi Carniche e quella temperata e salmastra che sale dal mare Adriatico, con il fiume Tagliamento che scorre sotto e agisce da termoregolatore naturale.

Siamo in un territorio di appena 35 chilometri quadrati e ottomila abitanti, che l’anno scorso ha sfornato 2.800.000 prosciutti (di cui circa 500 mila preaffettati) per un fatturato di 330 milioni di euro.

«La nostra filosofia è perfettamente glocal – osserva Cichetti –, invece di delocalizzare, le aziende devono stabilirsi qui e solo qui per produrre con il nostro marchio». E da qui, aggiungiamo noi, conquistare il mondo.

Quanto alla vendita, infatti, il San Daniele Dop viaggia a gonfie vele, con un mercato consolidato e il 18 per cento che s’invola all’estero.

Il Consorzio di tutela è stato il primo a nascere in Italia nel 1961 nel settore salumeria (quello di Parma arriverà due anni dopo) ed è stato fondato, oltre che dai produttori, dai notabili e dai commercianti del posto, che con lungimiranza riconobbero in questa attività un’opportunità di sviluppo. Svolge anche attività di vigilanza sul mercato, con oltre 1.500 punti vendita controllati ogni anno affinché non vi siano abusi o usi illegittimi del nome e del marchio.

Della filiera fanno parte circa tremila allevamenti con 50 macelli. Solo una piccola parte è in Friuli, il resto si trova in dieci regioni di nord e centro Italia: Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia in primis. I suini sono alimentati con cereali nobili e siero di latte e allevati rispettando il benessere degli animali.

Questo dice il disciplinare adottato negli anni Novanta e il Consorzio è consapevole che da allora la sensibilità a questo riguardo è cresciuta.

«È un tema imprescindibile. Benché i soci del Consorzio siano solo i prosciuttifici e non le aziende zootecniche, siamo attenti al problema – prosegue il direttore del Consorzio –, in linea con il forte movimento di opinione e le nuove normative: la sfida dei prossimi cinque anni sarà sull’innovazione nel campo del benessere animale».

Un ultimo dato contribuisce a dare il quadro della situazione. «L’Italia alleva otto milioni e mezzo di maiali per il circuito Dop, contro i 30 della Spagna e i 25 della Germania, primi produttori europei – conclude Cichetti – . I nostri fornitori sono tanti, la produzione è frazionata e ben distribuita, gli allevamenti non raggiungono le dimensioni degli impianti intensivi esteri. Questo è di per sé una garanzia di maggiore qualità e di attenzione alla buona salute dei suini». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori