Monopattini, un mercato di 2,5 milioni di persone

A valutare l’acquisto del mezzo soprattutto uomini, residenti nel meridione e giovani adulti, a seguito del trend diffuso dapprima nel nord Italia: ad utilizzarlo, infatti, già 1 milione e 400 utenti tra acquirenti e chi noleggia i veicoli in sharing

2 minuti di lettura
(agf)
ROMA - Chiamatela moda, se volete. L'uso del monopattino sta diventando una nuova abitudine per chi vive nelle città più affollate. Non solo. Ad oggi ci sono ben due milioni e mezzo di persone pronte a comprarlo. A valutare l’acquisto del mezzo soprattutto uomini, residenti nel meridione e giovani adulti, a seguito del trend diffuso dapprima nel nord Italia: ad utilizzarlo, infatti, già 1 milione e 400 utenti tra acquirenti e chi noleggia i veicoli in sharing. Questi i principali risultati dell’indagine commissionata da Facile.it all’istituto di ricerca mUp Research in collaborazione con Norstat. Obiettivo? Rilevare i primi usi e costumi dei cittadini rispetto al monopattino: negli ultimi mesi è stato una vera rivoluzione per la mobilità cittadina, incentivata anche dall’emergenza Covid-19 che ha spinto nella ricerca di mezzi alternativi a tram o metropolitane.

Quasi 800.000 italiani lo hanno già in garage (il 2.7% degli intervistati). Per lo più sono utenti nella fascia 35-44 anni (5,5%) e residenti in centro Italia e nel nord est (4,2%). Un nuovo popolo delle due ruote a cui si aggiunge chi noleggia monopattini quotidianamente tramite app, (uomini 1,3% vs 0,5% delle donne), persone con un’età compresa fra i 25 ed i 34 anni (3% vs una media nazionale dello 0,9%) per lo più del centro Italia (2,6%).

L’indagine inoltre svela che oltre due terzi lo usa su per lo più su marciapiedi o aree pedonali (il 52,7%). Una netta differenza, in assenza di ciclabili, la si vede fra le risposte date dagli uomini e dalle donne: i primi lo usano su marciapiedi o aree pedonali (50,6% vs 54,3%), circolando sulla carreggiata assieme agli altri veicoli (46,9% vs 18,9%). Non è una novità, purtroppo, che uno dei problemi di molte strade la mancanza di corsie dedicate ai mezzi leggeri.

“Dal punto di vista normativo i monopattini elettrici sono equiparati alle biciclette, pertanto non vi è l’obbligo di sottoscrivere una copertura assicurativa; nonostante questo, però, il consiglio è di valutare l’ipotesi di tutelarsi con una polizza, soprattutto se si utilizza il mezzo quotidianamente” spiegano gli esperti di Facile.it.  

Tornando a chi non lo possiede, è emerso, ad ogni modo, che molti sono intenzionati a comprarlo. Nello specifico la percentuale si aggira al 9% - il triplo di chi già ce l'ha oggi - pari al 2,5 milioni di italiani: per lo più uomini (7,3% vs 6,2% delle donne), con un’età compresa fra i 18 ed i 24 anni e residenti al sud (8%). Non sembrano invece essere contagiati dalla novità i cittadini dai 45 anni in su. Un effetto momentaneo, forse, per cui il mercato assicurativo già sta lavorando con prodotti specifici per i conducenti.  “Si tratta di coperture che tutelano l’assicurato sia in caso di danni arrecati a terzi, sia in caso di infortuni subiti durante l’uso del mezzo – dicono da Facile.it -. In alternativa, si può optare per una tradizionale polizza capofamiglia, ma in questo caso la copertura è limitata alla sola responsabilità civile verso terzi; se si opta per questa soluzione, il consiglio è di verificare che non vi siano esclusioni specifiche per l’uso di monopattini”.