Al via Ecomondo-Key energy, per capire il futuro della green economy in Italia

Alla manifestazione virtuale prenderanno parte aziende, organizzazioni di imprese e associazioni e sono previsti oltre 120 fra incontri virtuali, conferenze e workshop scientifici e di politica economica ed energetica
2 minuti di lettura
Non solo produrre, ma anche restituire, riciclare, trovare nuove strategie nella battaglia alla crisi climatica e spendere i fondi europei in maniera mirata ed efficace. Del futuro della green economy, degli impatti del Covid-19 su energia, mobilità, gestione dei rifiuti, rinnovabili e settore agroalimentare e di molto altro ancora si parlerà nella nuova edizione di Ecomondo e Key-energy organizzata da Italian Exhibition Group che si terrà - con eventi virtuali e digitali scadenzati dal 3 al 6 novembre, mentre le due manifestazioni (la prima sull'economia circolare, la seconda sulle rinnovavbli) chiuderanno i battenti il 15.

Il Consiglio nazionale della Green Economy organizza gli Stati Generali della Green Economy, evento con cui si apre la manifestazione.Stati generali ai quali prenderanno parte circa 70 realtà tra aziende, organizzazioni di imprese e associazioni e sono previsti oltre 120 fra incontri virtuali, conferenze e workshop scientifici e di politica economica ed energetica. Sul tavolo tantissimi temi da affrontare, soprattutto legati alla salute del Pianeta e al futuro per affrontare le nuove sfide che ci pone l'emergenza pandemia. In particolare, durante le due settimane di confronto, si discuterà sul come utilizzare i fondi Next Generation Ue e del Recovery Fund nel cammino verso la neutralità climatica e al centro del dibattito ci sarà un pacchetto concreto di proposte, avanzato dal consiglio nazionale, per mettere un "green deal al centro del piano di rilancio per Italia per non subire l'emergenza e puntare su una nuova fase per la green economy".

Agli stati generali della green economy  prenderanno parte Sergio Costa, ministro dell'Ambiente,  Stefano Patuanelli, ministro dello Sviluppo economico, Vincenzo Amendola, ministro per gli Affari europei, Dario Franceschini, ministro per i Beni e le attività culturali e diversi altri rappresentanti di governo, parlamento e istituzioni europee. 

Durante l'apertura dell'evento sarà presentata la relazione 2020 sullo stato della green economy in Italia e il pacchetto di proposte che hanno l'obiettivo di contribuire a tradurre le potenzialità del nuovo contesto in misure per lo sviluppo degli investimenti: la relazione, in particolare, farà il punto su sei settori strategici della green economy, registrando le loro difficoltà in quest'anno della pandemia.

Fra questi settori per esempio si farà un bilancio sul comparto energia, con il primo semestre del 2020 che è stato caratterizzato da un calo della domanda energetica senza precedenti e che si è tradotto anche in una sensibile riduzione delle emissioni di gas serra (nel primo semestre sono diminuite del 17% rispetto allo stesso periodo del 2019). Focus anche sulle rinnovabili, che continuano a crescere, con circa un più 3% nel primo semestre, anche se calano investimenti nel fotovoltaico ed eolico. In tema rifiuti, calo del 25% nella produzione di quelli speciali rispetto all'anno precedente, mentre quelli urbani hanno avuto una flessione minore fra il 10 e il 14% e permangono problemi nel riciclo dovuti a riduzione dell'attività degli impianti e disagi relativi allo stoccaggio. Se si guarda all'agroalimentare, da sottolineare invece le sofferenze del settore a causa del calo dell'export, ristorazione e turismo sempre legate al Covid-19, con un 2020 in cui si si prevede una contrazione degli acquisti agroalimentari di circa 24 miliardi di euro. Infine uno sguardo alla mobilità che sta cambiando, con cali del trasporto pubblico e ferroviario e l'aumento delle vendite di biciclette e auto elettriche (ad aprile boom di acquisti, 12,1% del totale venduto). "La green economy non è solo un'economia decarbonizzata - ha spiegato Edo Ronchi del Consiglio nazionale della green economy nell'introdurre l'evento- ma è anche competitiva perché circolare nell'uso di risorse scarse e punta a rafforzare la nostra bioeconomia rigenerativa".

Infine, tra gli appuntamenti chiave organizzati dal comitato scientifico di Ecomondo, quello sulle strategie messe in atto per liberare il Mediterraneo dai rifiuti plastici pensato insieme ai produttori e aziende di lavorazione della plastica,  ma un incontro relativo alla missione "mare" in cui si parlerà di Green Deal e crescita blu, e poi i focus sulla strategia "Farm to Fork", sulla cura del suolo, su gestione rifiuti e soprattutto su tutti gli impatti che il Covid avrà sul futuro dell'economia circolare e su quali strategie proporre per affrontarli.