In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Social farming, così recuperiamo quel campo abbandonato dietro casa

(foto: Coltivatoridiemozioni.com)
(foto: Coltivatoridiemozioni.com) 
"L'Italia abbonda di eccellenze, ma un'azienda agricola su quattro è a rischio scomparsa". Dalla Puglia l'idea di mettere in contatto aspiranti agricoltori con coltivatori esperti e imprese per recuperare terreni inutilizzati
1 minuti di lettura
"Chi semina tramanda" è lo slogan di Coltivatori di Emozioni, la prima piattaforma di social farming italiana che attinge alle nuove tecnologie per salvaguardare il patrimonio agricolo nazionale. Il progetto è nato in Puglia nel 2016 e mira a creare una rete sostenibile per recuperare zone a rischio di abbandono e rilanciare tradizioni contadine in via di estinzione, riattivando le microeconomie locali e riqualificando le realtà rurali.

"L'Italia abbonda di eccellenze - dice Biagio Amantia, co-fondatore e responsabile marketing del progetto - ma oltre 5.000 prodotti agroalimentari tradizionali attualmente sono coltivati da poche aziende agricole di cui una su 4 è a rischio scomparsa". E poiché l'Italia abbonda anche di terreni agricoli abbandonati e, ultimamente, di giovani aspiranti agricoltori che tuttavia non trovano i mezzi e le occasioni per intraprendere un'attività nel settore, ecco l'idea: mettere in contatto queste realtà attraverso un modello che permetta di "adottare a distanza" i coltivatori custodi di questi patrimoni di conoscenza e tecnica. Un sistema rivolto tanto ai privati quanto alle imprese che tramite il sostegno a piccoli produttori selezionati possono contribuire a preservare le eccellenze del Made in Italy e partecipare a un nuovo processo di rivalutazione territoriale.

"Un tempo - osserva Amantia - si faceva materialmente, conservando semi preziosi in piccoli fagotti di carta o di tessuto che venivano passati da una generazione all'altra. E così avveniva per i terreni. Ora che la terra non si coltiva più, o comunque sempre meno, cresce, soprattutto fra i giovani, la voglia di recuperare e preservare quel patrmonio. E farne un futuro".

Nel paese con la più grande biodiversità agroalimentare della Terra - 55 siti patrimonio Unesco, oltre 5.000 prodotti alimentari tradizionali censiti, 299 specialità DOP e IGP riconosciuti a livello comunitario e più di 400 vini DOC l'agricoltura continua incredibilmente a perdere terreno minacciata dall’urbanizzazione, che solo negli ultimi vent’anni ha divorato 2 milioni e mezzo di ettari coltivati e dala fuga verso le città (circa 6000 borghi sono a rischio abbandono).

Ma come si fa, in pratica, a partecipare al progetto? Sul sito si trovano elencate tutte le aziende che partecipano all'iniziativa, dal Piemonte alla Sicilia, con le loro caratteristiche e i loro prodotti. Si può "adottarne" una a distanza scegliendo quale piccolo produttore e quale coltivazione sostenere. Ma si possono anche donare ore di lavoro e ricevere direttamente prodotti tipici di alta qualità restando sempre aggiornati sullo stato dell’azienda agricola sostenuta e sui raccolti futuri. Il sito ha anche un blog di informazione e divulgazione su temi agricoli e uno spazio dedicato alle aziende.