Sport green

Il St. Pauli si farà le maglie da solo. E saranno sostenibili

La nuova collezione sarà presentata a maggio 2021. Ma i tifosi potranno ordinare l'eco-maglia già a dicembre di quest'anno e per le prime quattro settimane potranno personalizzarla scrivendo il proprio nome al posto dello sponsor
1 minuti di lettura
Le maglie più ecosostenibili al mondo. Il St. Pauli, storico e anticonformista club tedesco che gioca in seconda divisione (Zweite Liga) ha deciso di riscrivere il tradizionale rapporto tra società e i colossi dell’abbigliamento sportivo rompendo l’accordo con Under Armour e producendo in proprio le divise da gioco a partire dalla prossima stagione, alla scadenza dell’intesa contrattuale con l'azienda americana.

"Nessun fornitore esterno è stato in grado di soddisfare pienamente i criteri di sostenibilità, commercio solidale e trasparente che caratterizzano il St. Pauli", si è letto in una nota del club. E quindi ecco le maglie fai da te del club di Amburgo, che da cinque anni gestisce direttamente anche il merchandising. Sulle tenute da gioco comparirà il logo DIIY - Do it, improve yourself -, che sarà presente sull’intera linea di abbigliamento sportivo nata dalla matita del designer del club, composta da 55 capi diversi.

È da 18 mesi che il St. Pauli lavora a questo progetto, ovvero una maglia non concepita come un gadget o un mezzo per produrre dividendi, ma una dichiarazione programmatica dell’identità della società: solidale, indipendente, a impatto zero sull’ambiente.

La nuova collezione sarà presentata nel maggio 2021, ma sarà possibile preordinare la maglia già a partire da dicembre 2020 al costo di 70 euro, cinque in meno rispetto a quello imposto dal marchio Under Armour nei negozi e sui siti. I tifosi e gli appassionati che procederanno all’acquisto nelle prime quattro settimane potranno personalizzarla in maniera esclusiva, scrivendo il proprio nome al posto del logo del main sponsor.

La strada dell’autoproduzione tracciata dal St. Pauli potrebbe, secondo il quotidiano Kicker, essere seguita anche da altri club tedeschi, ricordando che la Bundesliga è una lega molto attenta alle politiche verdi, con diverse società che hanno investito sul rispetto dell’ambiente.

Negli scorsi anni il Bayern Monaco, così come il Real Madrid e la Juventus, grazie alla collaborazione tra il suo sponsor tecnico e l’associazione per la protezione dei mari Parley, ha indossato una divisa fatta con tessuto riciclato, materiale plastico recuperato dalle acque delle Maldive.