La rivincita del legno: ecco la cassetta sostenibile

Hollo (Credits: Rilegno) 
Le idee vincitrici del concorso lanciato da Rilegno, il consorzio ambientale per il recupero e il riciclo degli imballaggi in legno, per la realizzione dell'imballaggio con materiali sostenibili
1 minuti di lettura
Un concorso per progetti creativi che abbiano al centro la cassetta di legno, l’imballaggio ecosostenibile per eccellenza. Perché il legno è un materiale naturale, ideale per lo sviluppo di un’autentica economia circolare. È questa l’idea di Rilegno, il consorzio ambientale per il recupero e il riciclo degli imballaggi in legno, a cui hanno aderito molti 'inventori', soprattutto giovani. Sul tavolo della giuria di esperti del settore, sono arrivati oltre 400 modelli di contenitori per prodotti biologici – rigorosamente lignei – che rappresentano l’evoluzione della cassetta.

Il vincitore è Hollo, un contenitore formato da tre elementi in pioppo che si assemblano tra loro e presentato da tre studenti di Design industriale e Multimedia dell’Università Iuav di Venezia. Al secondo posto si sono classificate due studentesse della Scuola del Design del Politecnico di Milano con la Boomerang box, scatola ottenuta da un unico pannello di multistrato di pioppo e assemblata a incastro, senza metallo e colla. Medaglia di bronzo, invece, per Comboo, la cassetta realizzata da tre giovani designer in polpa di cellulosa, materiale compostabile, biodegradabile e resistente, ricavato dal bambù.

Originalità, riproducibilità su scala industriale, compatibilità ambientale per caratteristiche e processi di lavorazione, fattibilità economica e tecnologica sono i criteri seguiti per la valutazione dei lavori da parte dei giurati, che hanno assegnato anche cinque menzioni speciali e due riconoscimenti ai progetti più 'social'.

Nato nel 1997, Rilegno recupera ogni anno il 63% degli imballaggi in legno immessi al consumo in Italia (pari a 1.967.000 tonnellate nel 2019) e li trasforma principalmente in pannelli per costruire mobili. Con i suoi duemila membri, fa parte del sistema Conai, il consorzio costituito da circa 850 mila aziende al fine di promuovere recupero e riciclo degli imballaggi.