Pac, il no di Greta Thunberg: "La riforma agricola distruggerà gli Accordi di Parigi"

La presidente della Commissione Ue Ursula von der Layen, il vicepresidente Frans Timmermans e Greta Thunberg 
"Faremo pressione non solo sulla Commissione ma anche sui ministri", perché la ritirino. Lo ha detto la giovane svedese dopo un incontro con con altri attivisti e il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans
1 minuti di lettura
"Il tempo per i piccoli passi è esaurito", la bozza di riforma della politica agricola comune va "ritirata perché è l'unica cosa responsabile da fare arrivati a questo punto". Lo ha detto l'attivista pro-clima svedese Greta Thunberg in una conferenza stampa a margine di un incontro durato un'ora con altri attivisti e il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans. "Faremo pressione non solo sulla Commissione ma anche sui ministri", perché ritirino una riforma che "distruggerà gli Accordi di Parigi", ha rincarato la dose l'altra attivista Adélaïde Charlier. Un nuovo incontro con Timmermans, "è previsto per gennaio". La Pac diventerà una "dei nostri tanti punti" di protesta ha aggiunto Greta, "ma non sarà l'unico, dobbiamo avere una visione olistica dei problemi".

Quello che sta accadendo con la Pac, ha proseguito l'attivista svedese, "è simbolico dell'ipocrisia della politica, che vota per target lontani nel tempo ma quando si tratta di fare qualcosa nell'immediato non lo fa".

Per Greta anche il Green Deal è insufficiente. "Smettiamola di dire che è ambizioso - ha detto - perché non lo è, manca il senso di urgenza, la crisi che viviamo non la risolvi con piccoli aggiustamenti". La politica agricola comune è una delle più longeve e importanti dell'Ue, conta un terzo del bilancio. La proposta di riforma attualmente in discussione a Bruxelles è stata presentata nel 2018, prima che la Commissione aggiornasse le sue priorità con il Green Deal europeo. Dopo gli emendamenti di Consiglio ed Europarlamento, gli ambientalisti la considerano non allineata alle nuove ambizioni climatiche e chiedono, con accenti diversi, il ritiro della proposta.

Timmermans aveva accennato sui media olandesi e tedeschi alla possibilità di un ritiro. In diverse lettere ai gruppi politici dell'Europarlamento, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha scritto che, pur condividendo alcune preoccupazioni, è fiduciosa che dal negoziato in corso tra eurodeputati e Consiglio Ue possa uscire una Pac più in linea con il Green Deal.
 

Timmermans a Greta, Pac sarà in linea con Green Deal
"Siamo d'accordo sull'importanza cruciale della Politica agricola comune (Pac) per il Green Deal. Nei negoziati, la Commissione lavorerà per una politica agricola in linea con le nostre strategie della Biodiversità e Farm To Fork per contribuire a realizzare il nostro obiettivo di neutralità climatica". Così il vicepresidente della Commissione europea su Twitter dopo l'incontro in teleconferenza con Greta e altri attivisti per il clima.