In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Cambiamenti climatici, adesso gli alberi perdono prima le foglie

Cambiamenti climatici, adesso gli alberi perdono prima le foglie
Con l'aumento delle temperature e dei livelli di anidride carbonica la caduta autunnale delle foglie degli alberi nei climi temperati potrebbe avvenire in anticipo, al contrario di quanto ritenuto finora. Lo studio su Science
2 minuti di lettura
ANCHE piante e alberi sono molto sensibili ai cambiamenti del clima. Fra i danni collaterali dovuti all'aumento delle temperature ci sono anche effetti sulla caduta delle foglie, che tipicamente avviene in autunno. Oggi una ricerca condotta dal Politecnico Federale di Zurigo ha mostrato che l'aumento delle temperature potrebbe anticipare questo evento, anziché posticiparlo, come ipotizzato da varie ricerche precedenti. Le cause di questa caduta precoce sarebbero da rintracciare proprio nella relazione che intercorre fra gli alberi e la maggiore quantità di anidride carbonica. I risultati sono pubblicati su Science.
 
In autunno le foglie cadono
In autunno le foglie di molte specie di alberi, detti caducifogli, invecchiano e cadono. In una sorta di meccanismo di protezione contro il gelo invernale, l'albero smette di nutrire le foglie, che altrimenti diventerebbero dei veri e propri raccoglitori di neve, mettendo in pericolo la pianta. In questo modo, invece, le foglie prima cambiano colore, poi si seccano e muoiono. Questo fenomeno, che ai nostri occhi potrebbe apparire banale, è frutto di un processo evolutivo durato millenni. Ma anche in questo caso l'albero è sensibile al clima e al riscaldamento globale.
 
Perché le foglie invecchiano
Fino ad oggi gli scienziati hanno ritenuto che l'aumento delle temperature avrebbe sottratto un elemento di stress per gli alberi - quale appunto l'arrivo del freddo - ritardando anche la caduta delle foglie. Tuttavia, gli elementi ambientali e climatici alla base dell'invecchiamento delle foglie non sono ancora del tutto chiari e per questo gli scienziati svizzeri hanno voluto comprendere meglio cosa succede davvero. Per capirlo hanno svolto degli esperimenti in laboratorio, oltre a un'ampia analisi di dati, raccolti dal 1948 al 2015, su sei diverse specie di alberi dei climi temperati, come il nostro, rintracciate in quasi 4mila siti nell'Europa centrale.
 

Lo studio
I ricercatori hanno esaminato gli effetti di sei parametri, fra cui le temperature estive e autunnali, la luce, le precipitazioni, e hanno poi riprodotto degli esperimenti in laboratorio in cui modificavano artificialmente le condizioni climatiche per osservare cosa succedeva. In particolare, si sono accorti che a temperature più alte e a livelli più elevati di anidride carbonica corrisponde un maggiore sviluppo degli alberi nei climi temperati durante la cosiddetta "stagione di crescita" ovvero il periodo in cui crescono gli alberi - di solito in questi climi ce ne sono due, una in primavera e una alla fine dell'estate. Questa aumentata produttività delle foreste, in primavera e in estate, sembra portare a una caduta anticipata delle foglie, e non posticipata.
 
Troppo carbonio fa cadere prima le foglie

Questo fenomeno probabilmente è dovuto al fatto che le radici e il legno che compone gli alberi continua ad assorbire il carbonio catturato dalle foglie, e necessario anche per la fotosintesi, fino a un certo punto, e smettono di immagazzinarlo quando l'assorbimento raggiunge una certa soglia. A questo punto le foglie cessano di essere utili per l'albero, che inizia a liberarsene. Ma con l'aumentare delle temperature e in presenza di livelli più alti di anidride carbonica - due elementi guida del riscaldamento globale - la soglia in cui l'albero smette di immagazzinare il carbonio si raggiunge prima.
 

I risultati riducono in maniera sostanziale le previsioni secondo cui "stagioni di crescita" degli alberi protratte possano corrisponde a una caduta delle foglie ritardata, spiegano gli autori, che sottolineano che ancora non sappiamo se questo modello può essere esteso a tutte le foreste temperate e ancora più in generale anche ad altre foreste. Il risultato però fornisce una prima indicazione di un fenomeno in gran parte inaspettato e legato a come il clima e i suoi cambiamenti possano interagire con l'ambiente, con potenziali effetti collaterali anche su più ampia scala, che dovranno essere approfonditi.