Energia

Auto elettrica, meglio le stazioni della colonnina ''privata'': la ricarica è più rapida e inquina meno

(FOTO:  University of California San Diego) 
I ricercatori americani hanno individuato uno dei principali problemi per lo sviluppo della mobilità elettrica: le ricariche lente casalinghe sono prodotte soprattutto da combustibili fossili
2 minuti di lettura

La comodità di ricaricare la propria auto elettrica nel garage di casa ha un prezzo elevato in termini di inquinamento ambientale. La denuncia viene dai ricercatori californiani, che hanno puntato il dito su un problema non indifferente, quello che la ricarica lenta effettuata soprattutto di notte con i sistemi casalinghi, “consuma” energia prodotta principalmente da centrali che utilizzano combustibili fossili e, quindi, paradossalmente, producono più inquinamento.

Un team di ingegneri, così, consiglia di espandere le stazioni di ricarica rapida per i veicoli elettrici. La raccomandazione si basa su uno studio sui modelli di ricarica per i veicoli elettrici nel campus dell'Università della California a San Diego dall'inizio di gennaio alla fine di maggio del 2020, dopo che l'università ha spostato la maggior parte delle sue operazioni online. I ricercatori affermano che i risultati possono essere applicati a una gamma più ampia di impostazioni.

"La ricarica sul posto di lavoro è un elemento fondamentale per il trasporto senza emissioni di CO2 poiché gli elettroni consumati provengono principalmente da centrali solari, al contrario della ricarica domestica, che avviene di notte e si basa maggiormente sulle centrali elettriche a combustibili fossili", ha affermato Jan Kleissl, autore senior del documento elaborato e professore di ingegneria ambientale alla UC di San Diego.

È la prima volta che un team di ricerca raccoglie informazioni sui modelli di ricarica sul posto di lavoro per i veicoli elettrici durante la pandemia Covid-19. Come previsto, la ricarica è diminuita drasticamente una volta che la maggior parte delle operazioni del campus è passata all’on line. Inoltre, come previsto, la ricarica presso il centro medico del campus è stata meno influenzata poiché le strutture mediche hanno continuato la maggior parte delle operazioni in presenza e gli operatori sanitari ei pazienti hanno continuato a utilizzare quelle stazioni di ricarica. Ciò riflette le tendenze a livello nazionale. I viaggi in auto negli Stati Uniti sono diminuiti di circa il 40% da metà marzo a metà aprile 2020, secondo il National Bureau of Economic Research.

Ma i caricabatterie rapidi CC che forniscono una carica completa in circa mezz'ora sono stati meno colpiti rispetto ai cosiddetti caricabatterie di livello 2, che forniscono una carica completa per otto ore. L'energia inviata ai caricabatterie di livello 2 nel campus principale della UC San Diego è diminuita dell'84%. La ricarica rapida CC inizialmente è diminuita del 67%. Queste stazioni sono tornate rapidamente all'uso quasi normale in un breve periodo di tempo, a differenza delle stazioni di ricarica di livello 2.

 

"Questa scoperta rafforza gli sforzi in corso per distribuire almeno altri 20 sistemi di ricarica rapida, principalmente sul perimetro del campus al fine di servire sia i pendolari dell'UC San Diego che il pubblico in generale che necessita di ricarica", ha affermato Byron Washom, direttore dell'UC San Diego nel dipartimento di iniziative energetiche strategiche e uno dei coautori del documento.
 

Solo quattro stazioni su cento, esaminate nello studio, erano a ricarica rapida. Più in generale, negli Stati Uniti, solo una piccola parte delle stazioni di ricarica ha il sistema veloce e la maggior parte di esse serve solo veicoli Tesla. Ad esempio, la California ha circa 31800 stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Di questi, quasi 3000 sono stazioni di ricarica Tesla, disponibili solo per i veicoli Tesla. Altre 470 sono stazioni DCFC gestite da Chargepoint con sede in California.

I RISULTATI. Lo studio ha esaminato 100 stazioni di ricarica in 28 strutture di parcheggio. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che dall'11 marzo al 20 maggio 2020: a ricarica nel campus principale è diminuita dell'84% rispetto ai livelli pre-pandemici; la carica è diminuita del 50 per cento presso le strutture di parcheggio presso le sedi del centro medico della UC San Diego; la ricarica presso le stazioni “rapide” è inizialmente diminuita del 67%, prima di tornare quasi ai livelli pre-pandemici.

 

La ricarica probabilmente non tornerà alla normalità anche dopo la fine della pandemia, dicono i ricercatori. "Tuttavia, è improbabile che i modelli di pendolarismo basati su cinque giorni alla settimana in ufficio riprendano, poiché i datori di lavoro possono consentire più telelavoro anche dopo la fine del pericolo Covid 19", ha spiegato Kleissl.