L'analisi
Nubi stratosferiche (foto: Nasa) 

Le cicatrici dell'Antropocene anche nello spazio

L’ultimo allarme riguarda la struttura stessa dell’atmosfera: gli esseri umani, alterandone la composizione ne stanno anche modificando gli strati

1 minuti di lettura

L’Antropocene sta lasciando il segno non solo su terreni, fiumi, mari, intossicati plastiche e sostanze chimiche. Né soltanto nella temperatura dell’aria che continua a surriscaldarsi. L’ultimo allarme, rilanciato nei giorni scorsi da due notizie clamorose, riguarda la struttura stessa dell’atmosfera: gli esseri umani, alterandone la composizione ne stanno anche modificando gli strati.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori