In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Non sprecare
Una villa confiscata al clan Casamonica. Simona Granati - Corbis/Getty Images
Una villa confiscata al clan Casamonica. Simona Granati - Corbis/Getty Images 

Il limbo dei beni sequestrati alle mafie

Ovvero come vanificare una buona legge: quasi 20mila immobili e 3mila aziende sono in attesa di una destinazione, con procedure che durano decenni e arrivano quasi sempre a un punto morto

1 minuti di lettura

Il Fiore è un piccolo ristorante di Lecco diventato famoso per la qualità della sua cucina, per il microcosmo di buona integrazione rappresentato dai suoi 11 dipendenti (accanto agli italiani ci sono lavoratori che arrivano dal Ghana, dal Senegal e dall’Albania), per essere stato, in passato, il locale di proprietà del boss della ‘ndrangheta Franco Coco Trovato. Allora si chiamava Wall Street e puzzava di soldi riciclati, adesso il suo sottotitolo è Cucina in libertà per sottolineare il cambio di paradigma.

Il sequestro del ristorante Wall Street di Lecco, nel 1992.
Il sequestro del ristorante Wall Street di Lecco, nel 1992. 

Una storia a lieto fine, se non fosse per un drammatico dettaglio: il ristorante è stato sequestrato nel 1992, ed è finito nelle mani giuste, la Cooperativa sociale Olinda, soltanto nel 2017. Dopo venticinque anni, un quarto di secolo.

Purtroppo buona parte del gigantesco patrimonio dei beni sequestrati ai clan della malavita, anche se in ritardo, non ha lo stesso destino del locale sottratto al boss e affidato agli immigrati, ma in generale galleggia nel limbo dello spreco. Come al solito abbiamo una buona legge (il primo testo risale addirittura al 1996), citata spesso in sede europea come modello per sconfiggere i clan, un’Agenzia nazionale con diverse sedi, destinata esclusivamente all’amministrazione e alla destinazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata (ANBSC), e tanti servitori dello Stato che dopo anni di  accurate indagini riescono a colpire le mafie nel loro punto più sensibile: il denaro.

Ma il castello, poi, si sgretola alla prova dei fatti. Quasi 20mila immobili e 3mila aziende sono in attesa di una destinazione, con procedure che durano decenni e arrivano a un punto morto. Costi secchi, beni deteriorati, imprese che scompaiono dal mercato senza poterci più rientrare, e occasioni sprecate, in quanto qualsiasi vendita o cessione temporanea, se fatta nei tempi giusti, crea lavoro e diventa fonte di guadagni puliti.

Anche la destinazione dei beni, quando avviene, è fonte di sprechi. Le vendite hanno riguardato soltanto il 4% delle pratiche chiuse, praticamente nulla, mentre nell’81% dei casi i beni sono stati affidati a enti locali (2.176 comuni). Con il paradosso che i due terzi di questi comuni non hanno neanche l’accesso  alle informazioni dell’Agenzia e dunque non sanno da dove cominciare per affidare nelle mani giuste il bene sequestrato alla criminalità. Un dialogo tra sordi, lo Stato e gli enti locali, mentre in questa palude di immobilismo si è creata una piccola lobby di professionisti incaricati di gestire immobili e aziende in via transitoria. Ma in Italia, lo sappiamo, non esiste nulla di più definitivo del temporaneo.

 

Nonsprecare.it