Lo studio

In India lo stomaco delle vacche sacre aiuta a ripulire le acque reflue

I ricercatori di Bangalore hanno riprodotto il funzionamento dei batteri anaerobici del sistema digestivo dei bovini: così è nato un depuratore senza motori e manutenzione per trasformare il putridume in liquido buono per irrigazione e usi alimentari
4 minuti di lettura

BANGKOK - Molti vegan e vegetariani informati conoscono già il pericoloso contributo all’effetto serra di quei grandi produttori di gas nocivo che sono i vasti allevamenti di mucche e bovini destinati ai macelli o all’uso in agricoltura e nell’industria casearia. Parlare di bovini è sempre delicato nell’India ultrareligiosa, che considera sacre le vacche, ma fortunatamente gli scienziati non si fermano davanti ai tabù e hanno potuto fare una straordinaria scoperta studiando lo stomaco delle vacche e trovandovi batteri responsabili della produzione di gas metano capaci di crescere in assenza di ossigeno, un fenomeno che anche altri studiosi americani e europei studiano con attenzione.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori