In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Ambiente

I segreti della pacciamatura (e cosa non fare) per un giardinaggio davvero green

Alcune pratiche di cura del verde rischiano di essere inutili o addirittura dannose per l'ambiente, a partire dal famigerato soffiatore (o spazzafoglie). Attenzione al compost e alle specie esotiche
2 minuti di lettura

Un giardino, un balcone, va bene anche un davanzale: l'importante è avere superfici da dedicare al nostro impero verde. In questi ultimi anni, molti Paesi hanno visto esplodere la passione per il verde e il giardinaggio.
 

L'Italia non è stata da meno: secondo l'Osservatorio Nomisma, nel 2020 i green lover erano 19 milioni, il 39% della popolazione - tre milioni in più rispetto al 2019. C'è lo zampino della pandemia, che ha stravolto ritmi e quotidianità: prendersi cura di una pianta è un rito che aiuta a scongiurare il pensiero del futuro e che ci àncora all'oggi, una vera e propria pratica meditativa. Anche il crescente interesse per l'ambiente e per la sostenibilità ha avuto un peso e ha scatenato la coltivazione domestica di erbe aromatiche e piccoli ortaggi, a volte la creazione di un vero e proprio orto in giardino.

Entusiasmo e buona volontà, cos'altro serve? Un po' di corretta informazione. Sono infatti molte le azioni che diamo per scontate, che non abbiamo bisogno di approfondire perché "si fa così". Ecco, alcune pratiche di cura del verde rischiano di essere inutili o addirittura dannose per l'ambiente.
 

Consideriamo l'utilizzo del soffiatore o spazzafoglie, utile per liberare grandi spazi dalle foglie cadute, specialmente in autunno. Peccato che i modelli a scoppio siano altamente inquinanti, dannosi per la salute umana e per l'ambiente circostante. Si tratta di un intervento altamente invasivo che danneggia animali e insetti con il potente getto d'aria e con il rumore. Alcuni modelli raggiungono un inquinamento acustico di oltre 100 decibel, praticamente come un aereo in fase di decollo. L'aria, poi, non smuove solo foglie e insetti: particelle fecali, polline, polvere, metalli pesanti e pesticidi depositati nel terreno possono causare problemi respiratori se inalati. Vale lo stesso per il tosaerba a gasolio o benzina, che rilascia nell'ambiente inquinanti atmosferici come gli ossidi di azoto, gas organici reattivi e particolato.

Il suolo è il più esposto all'inquinamento involontario. Beve tutto ciò che gli diamo senza lamentarsi, ma i danni hanno effetti a lungo termine. Per esempio, abbiamo deciso di produrre il nostro compost? Molto bene, ma attenzione agli ingredienti. Se utilizziamo potature, erba, buccia di frutta trattate con diserbanti e pesticidi finiremo per rilasciare nel terreno agenti chimici, che possono penetrare in profondità. Assicuriamoci quindi di utilizzare materiale non contaminato.
 

Un'altra operazione che minaccia il suolo è il dissodamento, che a lungo andare polverizza il terreno e impedisce all'acqua piovana di raggiungere gli strati profondi. Per nutrire il suolo possiamo triturare le foglie cadute in autunno e spargerle come pacciamatura.

Esiste ovviamente l'inquinamento da pesticidi e diserbanti, sostanze usate per il controllo di erbe infestanti, funghi e parassiti. Il problema è che gli agenti chimici rimangono nel suolo e penetrano nelle falde acquifere, risultando dannosi per un gran numero di organismi viventi incluso l'uomo. L'esposizione a livelli tossici di alcuni insetticidi può danneggiare il sistema nervoso, altri hanno effetti sul fegato e sulla fertilità. Oltre ai rimedi naturali, se proprio ci serve un pesticida, assicuriamoci che sia selettivo: che agisca cioè solo sull'organismo bersaglio e non permanga nell'ambiente.

Infine, un caso spesso sottovalutato di inquinamento ambientale è quello dato dalle specie esotiche invasive. Si stima che in Europa le specie aliene siano aumentate del 76% negli ultimi trent'anni, con ingenti danni all'ambiente, alla salute e all'economia. Un esempio che conosciamo bene è il punteruolo rosso, che ha distrutto ettari di palme in Italia, modificando per sempre il paesaggio di alcuni luoghi. Le invasioni non dipendono quasi mai dai comportamenti del singolo, piuttosto dall'intensità degli scambi internazionali, e non tutte le piante esotiche sono dannose per l'ecosistema. Prima di fare acquisti ricercati mossi esclusivamente dal senso estetico, però, chiediamo consiglio ai vivaisti. Non vorremmo mai rischiare di portare a casa una nuova specie di zanzara.