In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Tutorial

Congela, riutilizza, dona: gli avanzi delle feste sono una risorsa

Il cibo che non abbiamo consumato in questi giorni non deve finire nel bidone della spazzatura, anzi: grazie a internet, app e associazioni fermare lo spreco è possibile

2 minuti di lettura

Oltre 500mila tonnellate di cibo finiscono nella spazzatura durante le feste natalizie. Se avete organizzato il menù al meglio avrete limitato gli sprechi, ma sicuramente non tutto è stato consumato. Secondo un’indagine Coldiretti/Ixè, dopo Santo Stefano, solo nell’8% delle famiglie italiane non è avanzato nulla. In tutte le altre qualcosa è rimasto, che sia un alimento confezionato comprato in quantità eccessiva o qualche porzione di primo o secondo che nessuno è riuscito a mangiare.


L’1% getterà questi avanzi nel bidone, ma non è la soluzione giusta per il Pianeta: per ogni tonnellata di cibo sprecato, sostiene la World organization for international relations (Woir), produciamo 4,2 tonnellate di anidride carbonica, con un consumo di acqua di circa 128 tonnellate di metri cubi.

Conservare

Se gli avanzi sono piatti già pronti conservare è una soluzione facile, scelta dall’11% degli italiani. Quella fetta di lasagna o quell’arrosto avanzato possono essere congelati in monoporzioni e scongelati per il prossimo pranzo in ufficio o quella giornata in cui il tempo di cucinare manca. Fate raffreddare bene le pietanze prima di metterle in freezer e non ammassatele l'una sull’altra. Meglio conservarle in contenitori di vetro, a partire dai barattoli con il tappo ermetico, ma anche quelli di plastica - che abbiamo a casa da una vita e che non dobbiamo buttare ma riutilizzare il più possibile - andranno benissimo.


Quando sarà tempo di scongelare proviamo a ricordarcene la sera prima: il modo migliore è infatti quello di spostare il contenitore dal freezer al frigo, in modo che il passaggio di temperatura sia più costante. In alternativa va bene anche il forno a microonde o il vapore di una pentola piena di acqua calda. Le pietanze scongelate vanno consumate entro 24 ore e non si devono mai ricongelare.

Dieci consigli per un Natale più sostenibile


Non tutto può però essere messo nel freezer: le verdure ricche d’acqua come pomodori e insalata non reggono bene questo tipo di conservazione, le uova intere esplodono, le salse a base d’olio come la maionese non saranno come prima una volta scongelate. Per formaggi e salumi il sottovuoto è una valida alternativa.

Riutilizzare

Otto italiani su dieci scelgono invece di dar sfogo alla creatività, utilizzando le preparazioni avanzate per dare vita a nuovi piatti. Le carni, insieme a formaggi, uova e salumi, diventano polpette e polpettoni, le verdure caponate e ratatouille, paste e risotti frittate. Anche la frutta può trasformarsi in marmellata per farcire quel pandoro che è ancora sulla credenza.

Se la fantasia scarseggia non abbiate paura, è qui che internet arriva in supporto: ci sono tanti siti dove trovare ricette semplici e tradizionali fatte con gli avanzi, con anche idee gourmet per i palati più raffinati, e app come Empty My Fridge che permette di ottenere ricette gustose combinando gli ingredienti che abbiamo in frigo. Non mancano poi le influencer che sui social danno idee e consigli: è il caso di Lisa Casali, alias Ecocucina, che si sbizzarrisce anche con bucce, gambi e altri “scarti”, o di Benedetta Rossi, la foodblogger più seguita in Italia, che ha sempre un’idea facile alla portata di tutti.

Condividere, scambiare, donare

Nel caso di prodotti confezionati con scadenze a breve termine o prodotti freschi non ancora cucinati una via forse ancora troppo poco sfruttata è quella della condivisione o dello scambio. Non solo con i vicini di casa e gli amici, ma anche con gli sconosciuti nelle vicinanze. Come? con un servizio di food sharing simile a quello che già utilizziamo per macchine, case vacanza, oggetti e servizi.


Le opzioni sono ancora poche per lo scambio personale, ma stanno iniziando a diffondersi. Come nel caso di ZeroSprechi, una app attiva da poco a Bergamo: ogni utente può fotografare il cibo, inserire le informazioni necessarie come tipologia di alimento e scadenza e condividerle con la propria rete di contatti. Chi è interessato può ritirarlo gratuitamente a casa o in appositi punti di raccolta.

A Bari è attivo Avanzi Popolo che fa il giro dei quartieri della città in furgone per raccogliere e ridistribuire cibo ai più bisognosi, anche in piccole quantità. A questo scopo, se gli alimenti sono secchi e a lunga conservazione, ovviamente ci si può rivolgere alle sedi locali di grandi realtà come Banco alimentare o Caritas, oltre che ad associazioni attive sul territorio e la chiesa del quartiere.