In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Energia

Cambio climatico e rete vecchia le cause dei blackout elettrici negli Stati Uniti

Cambio climatico e rete vecchia le cause dei blackout elettrici negli Stati Uniti
Le tempeste di neve degli ultimi giorni peggiorano il problema di infrastrutture costruite all'inizio del secolo scorso. Ecco perché l'Europa reagisce meglio alle emergenze
3 minuti di lettura

Eventi meteo estremi e blackout elettrici. Un binomio sempre più frequente nelle cronache americane. Anche le tempeste di neve delle ultime ore hanno lasciato senza corrente centinaia di migliaia di statunitensi. Prima erano stati gli incendi o gli uragani. Ed è ormai nella storia l'ondata di gelo che proprio un anno fa si abbatté sul Texas provocando la più grande falla nella rete elettrica dello Stato, con più di quattro milioni di abitazioni al buio per molti giorni consecutivi.
 

Ma perché succede? E potrebbe accadere in Italia e in Europa se il riscaldamento globale dovesse inasprire gli eventi meteorologici anche in questa zona del Pianeta?

Sulle cause e i numeri dei blackout statunitensi si è espressa di recente la massima autorità americana in materia, la Energy Information Administration (EIA). Poche settimane fa ha pubblicato un rapporto che evidenzia come il 2020 sia stato un anno record per le interruzioni di corrente, con una media di otto ore senza elettricità per ogni cittadino americano. Ma chi vive in Louisiana nel corso del 2020 ha sperimentato addirittura venti ore di blackout. Il raffronto col passato è implacabile: nel 2013 la media annua delle ore senza corrente era meno di quattro ore per ogni cittadino americano.
 

Cos'è cambiato nell'ultimo decennio? Il clima. L'innalzamento delle temperature ha causato tempeste tropicali più violente, incendi che si sono protratti per settimane, e inverni con picchi di freddo mai toccati nel recente passato. Nel 2020, la tempesta tropicale Isaias ha lasciato senza elettricità 750mila utenze in Connecticut, una tempesta di ghiaccio ha messo nelle stesse condizioni 300mila famiglie in Oklahoma, e i fulmini hanno messo fuori uso una centrale nucleare nell'Iowa. Mancano ancora i dati completi relativi al 2021, ma oltre al Texas messo in ginocchio dal freddo in febbraio, va ricordato come tra agosto e settembre 2021 l'uragano Ida abbia lasciato senza elettricità un milione e duecentomila case negli otto Stati su cui ha imperversato.

Insomma, senza l'acuirsi dell'emergenza climatica e dei suoi effetti più immediati (uragani, tempeste, siccità,...) il blackout americani sarebbero probabilmente rimasti ai livelli del 2013.
 

E però è anche vero che eventi meteo sempre più "energetici" si abbattono su una rete elettrica, quella statunitense, ormai obsoleta, costruita per la maggior parte nella metà del secolo scorso, con alcuni pezzi di infrastruttura che risalgono addirittura agli anni Quaranta. E non è un caso che il colossale piano di investimenti dell'amministrazione Biden, il cosiddetto Bipartisan Infrastructure Deal preveda un investimento da 65 miliardi di dollari proprio per il rifacimento della rete elettrica nazionale, in modo che sia più resiliente dell'attuale. Anche con interventi banali, che però riguardano una rete immensa: sostituire i vecchi pali elettrici in legno con quelli in acciaio o cemento resistenti al vento, spostare le linee elettriche nel sottosuolo o sollevare i trasformatori da terra, in modo da non finire sott'acqua in caso di alluvioni.

La rete elettrica americana è un gigantesco colosso di sistemi interconnessi, legati insieme per migliaia di chilometri, che mescola tecnologie vecchie e nuove. Il Dipartimento americano per l'Energia ha publicato pochi giorni fa, il 12 gennaio, un piano che fotografa la situazione e indica i possibili rimedi: Build a Better Grid Initiative. Il punto di partenza anche per il Doe è l'obsolescenza della rete americana: "Già studi realizzati nel decennio scorso", si legge nel documento, "certificavano che il 70% delle infrastrutture ha più di 25 anni". Ma il problema è anche la scarsa connessione tra reti di aree diverse del Paese, connessioni che se esistessero potrebbero permettere il trasferimento di potenza elettrica verso quelle zone che rischiano il blackout.
 

Proprio il caso del Texas, la cui rete è scarsamente collegata alle due altre grandi "dorsali" statunitensi, quella occidentale degli Stati che si affacciano sul Pacifico e quella del Midwest. Per questo gli esperti americani chiedono che si infittiscano le maglie della rete elettrica nazionale. Come è già in Europa, che almeno da questo punto di vista sembra più attrezzata per fronteggiare le emergenze. Proprio nel gennaio dell'anno scorso, per esempio, il gestore della rete italiana e quello francese sono intervenuti (in automatico, con un tempo di reazione di 200 millisecondi grazie ai software) per compensare uno squilibrio di potenza elettrica verificatosi nei Balcani e che avrebbe potuto innescare un blackout europeo.

Certo, da noi non ci sono uragani e tempeste di neve come negli Usa. E non sappiamo quanto reggerebbero i nostri tralicci e i nostri trasformatori a eventi di quel genere. Ma in Italia e in Europa in anni recenti si è investito di più in manutenzione e innovazione delle reti. Il nostro Paese, per esempio, ha un Piano di sviluppo da 18 miliardi di euro, cifra che, viste le dimensioni dei due Paesi, fa apparire persino modesta quella di 65 miliardi di dollari messi sul piatto dalla Casa Bianca per ammodernare la rete americana.