In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Inquinamento

L'Africa orientale vieta l'importazione di dispositivi elettronici con tubi catodici: troppi rifiuti

La decisione dei sette Paesi dell'Eac, la Comunità dell'Africa orientale, entrerà in vigore dal prossimo giugno per tutelare salute e ambiente. Il problema di smaltire molto dispositivi ricondizionati che arrivano come donazioni
1 minuti di lettura

La Comunità dell'Africa Orientale (EAC) composta da Kenya, Uganda, Tanzania, Rwanda, Burundi e Sud Sudan, ha proibito l'importazione di monitor di computer e di materiale elettrico ed elettronico composto da tubi catodici. La decisione, presa lo scorso novembre ed effettiva dal giugno 2022, dovrà essere recepita dai Paesi membri. Con questo nuovo assetto è previsto un aumento del valore dei materiali elettronici poiché produttori e venditori saranno responsabili per lo smaltimento dei rifiuti.

La maggior parte dell'e-waste proviene da Unione Europea, Stati Uniti, Canada, Cina, Corea del Sud, Giappone e Australia. Molti di questi Paesi donano dispositivi ricondizionati attraverso associazioni umanitarie, convinti di fare una buona azione. In realtà la situazione è più complicata.

Il problema riguarda lo smaltimento finale dei rifiuti, che diventa responsabilità del Paese di destinazione. In Africa, solo 13 Paesi hanno una legge o un regolamento sul riciclo dei materiali elettronici, riporta il Global E-Waste Monitor. Per esempio l'Egitto, che ne produce la maggior parte, non ce l'ha. Il recupero dei materiali però avviene lo stesso, ed espone a gravi rischi persone e ambiente.
 

Tra i materiali più tossici c'è il piombo, contenuto in quantità elevate nei tubi catodici, che inquina terreno e aria. Ci sono poi mercurio, arsenico, cadmio, cromo, nickel, sostanze che provocano danni al sistema nervoso e sono letali per neonati e bambini in età evolutiva.

L'estrazione di metalli e materiali preziosi dai rifiuti elettronici può creare lavoro. Secondo gli studi del World Economic Forum, i dispositivi che gettiamo via contengono materiali preziosi per 62,5 miliardi di dollari. Nel continente africano il settore, di fatto, già esiste, ma non è regolamentato, è pericoloso e poco remunerativo. Ma estrarre e riciclare ha un costo molto elevato nei Paesi occidentali, e così il "lavoro sporco" viene appaltato ai Paesi privi di regolamentazione, assai attivi nel recuperare ricchezze.

Una delle più grandi discariche di e-waste si trova in Ghana, ad Agbogbloshie, ed è organizzata come una piccola cittadina. Lavorano sul campo tra le 4500 e le 6000 persone, riporta il quotidiano Nigrizia, mentre altre 200mila sono coinvolte nelle attività di riciclo. Attività che nel complesso generano tra i 105 ed i 268 milioni di dollari di indotto non ufficiale.