In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Le idee

Le comunità energetiche rinnovabili sono la risposta strutturale a caro bollette e crisi climatica

Le comunità energetiche rinnovabili sono la risposta strutturale a caro bollette e crisi climatica
L'iniziativa promossa da Legambiente con la Comunità Energetica e Solidale di Napoli Est e il Comune di Ferla. La rivoluzione dal basso che realizza l'indipendenza energetica dei territori e punta a una transizione davvero ecologica e attenta alla giustizia sociale
2 minuti di lettura

Una risposta strutturale al caro bollette, alla povertà energetica e alla crisi climatica - che fa sentire i suoi effetti in modo sempre più intenso e frequente anche nelle nostre città - passa da San Giovanni a Teduccio, o da Ferla. O meglio dalla Comunità energetica rinnovabile e solidale di Napoli est promossa da Legambiente Campania insieme alla Fondazione Famiglia di Maria e realizzata grazie al finanziamento di Fondazione con il Sud. Una comunità costituita da quaranta famiglie che, grazie alla realizzazione di un impianto fotovoltaico, produrranno insieme energia pulita, dividendo il ricavato come aiuto concreto alla povertà energetica. E da Common Light - mettiamo insieme le nostre energie nel Piccolo Comune di Ferla, in provincia di Siracusa, comunità energetica aperta a cittadini e Pmi, alimentata da un impianto fotovoltaico di 20 kW. Perché questi casi reali rendono evidente come sia possibile e praticabile un diverso modello energetico, che punta sulle fonti pulite, su impianti di piccole e medie dimensioni diffusi sul territorio e vicini ai punti di consumo, indipendente dai fossili e dalle grandi corporazioni.

"Ho convinto i grandi a installare i pannelli solari e a 11 anni sono alfiere della Repubblica"

Le comunità energetiche rinnovabili permettono, infatti, di condividere per l'autoconsumo energia elettrica autoprodotta da fonti pulite, generando benefici multipli: taglio delle emissioni, risparmi in bolletta, accumulo, vendita alla rete della quota di energia autoprodotta in eccesso. Insomma parliamo di una rivoluzione dal basso, che realizza l'indipendenza energetica dei territori e punta a una transizione davvero ecologica e attenta alla giustizia sociale. Senza bisogno di nuove centrali fossili, tantomeno di un improbabile ritorno al vecchio nucleare (visto che per la quarta generazione servono ancora decenni di ricerca).

Perché questo diventi l'anno della transizione ecologica è necessario adeguare il nostro Piano energia e clima all'obiettivo europeo di abbattere di almeno il 55% le emissioni climalteranti al 2030, prevedere 70 GW di nuova potenza rinnovabile installata entro la stessa data così da avere il 72% di elettricità da fonti pulite, investire sui sistemi di accumulo, aumentare la nostra efficienza e continuare a fare ricerca su tecnologie e materiali più promettenti. All'Italia serve anche una road-map che definisca come e in quanto tempo faremo a meno del gas, delle speculazioni sul suo costo che stanno facendo lievitare il costo delle bollette e delle trivelle. Tutti traguardi per i quali è fondamentale semplificare gli iter autorizzativi per i nuovi impianti di rinnovabili e per il repowering di quelli esistenti: gli oltre 20 atti e pareri oggi necessari sono il più potente disincentivo esistente all'energia pulita. Ma va anche allargato il perimetro delle comunità energetiche pulite, che possono contribuire alla decarbonizzazione e contemporaneamente avere una importante funzione sociale di contrasto alla povertà energetica e, visti i tempi, come accennato, anche al caro bollette.
 

Proprio le Comunità energetiche rappresentano meglio di altri strumenti la trasformazione radicale richiesta dalla conversione ecologica. Con i cittadini informati e consapevoli, che vogliono essere protagonisti e che si alleano con privati, Pa, associazioni per soluzioni innovative e comuni.

In Italia sono arrivate con una prima sperimentazione introdotta dalla conversione in legge del Milleprorghe 2019, poi ampliata con il recepimento della direttiva Red II. Le principali novità introdotte da quest'ultimo provvedimento per le comunità energetiche sono l'ampliamento del perimetro d'aggregazione e la rimozione del limite di 200 kW di potenza per gli impianti installati, che potranno arrivare fino a un massimo di un megawatt.

Nelle comunità l'energia può essere condivisa tramite rete di distribuzione nell'ambito della stessa zona di mercato, "ferma restando la sussistenza del requisito di connessione alla medesima cabina primaria per l'accesso agli incentivi". Se adeguatamente sostenute con regole semplici e certe, le comunità energetiche possono dare un contributo importante alla transizione energetica e quindi all'obiettivo del net zero.


Secondo uno studio di Elemens e Legambiente, ammonta a 17 GW la potenza installabile al 2030 grazie al modello energetico delle comunità rinnovabili, si possono creare oltre 19.000 posti di lavoro nel solo settore impiantistico e un risparmio nelle emissioni di CO2 stimato in 47,1 milioni di tonnellate, sempre al 2030.

 

Sul fronte della povertà energetica, lo sviluppo delle comunità rinnovabili può portare ad un risparmio in bolletta fino al 25% per le utenze domestiche e condominiali e fino al 20% della spesa energetica di piccole e medie imprese, scuole, e altri settori. Un contributo fondamentale per le oltre due milioni di famiglie in situazione di povertà energetica. Da uno strumento democratico, partecipato e innovativo capace di coniugare la giustizia sociale e ambientale. 

Rossella Muroni, ecologista e deputata FacciamoECO