In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Energia

Cosa cambia per la transizione energetica con la crisi russa

Cosa cambia per la transizione energetica con la crisi russa
Davide Tabarelli, fondatore e presidente di NE-Nomisma Energia e docente all'Università di Bologna, aiuta a capire in che modo la situazione attuale potrà orientare le scelte italiane nel settore dell'energia
2 minuti di lettura

Nel lungo periodo l'invasione russa in Ucraina potrà servire a dare impulso alla produzione di energia rinnovabile. Ma nell'immediato possiamo aspettarci che il gas russo e ucraino continuino ad arrivare in Italia, sebbene con qualche intoppo. Davide Tabarelli, fondatore e presidente dal 2006 di NE-Nomisma Energia, società di ricerca sull'energia, e docente all'Università di Bologna, aiuta a capire in che modo la crisi attuale potrà orientare le scelte italiane nel settore dell'energia.

Professore, perché non si sono cercate prima alternative, pur sapendo che era un rischio dipendere in maniera così ampia da un solo fornitore?
"Perché per 50 anni l'Unione Sovietica prima e la Russia poi sono state in realtà il fornitore più affidabile, grazie a grandi riserve a basso costo e a una estesa linea di trasporto, proprio perché l'Urss aveva puntato moltissimo sull'estrazione di gas. Così ora il 35% di tutta la nostra domanda di energia è soddisfatto dalla Russia. Nessuno può permettersi di chiudere i rubinetti dalla Russia, infatti la presidente dell'Unione Europea ha già detto che le sanzioni non riguarderanno gas e petrolio: non dimentichiamo che è dal 2014 che ci sono le sanzioni, ma, appunto, non hanno incluso il gas".


Ci sono tuttavia azioni da intraprendere per non farsi cogliere impreparati?
"Dire che i rubinetti non verranno mai chiusi è appunto una scommessa. Possiamo prevedere che nei  prossimi venti anni la Russia continuerà a esportare in Europa attraverso il gasdotto Nord Stream, perché conviene a lei e a noi. Però quella che si è aperta in questi giorni è una ferita profonda, che per la prima volta ha causato gravissimi problemi, non solo per il costo di vite umane che ogni guerra implica".
Infographic: EU Energy Deficit Surges Ahead of Ukraine Crisis | Statista You will find more infographics at Statista
(Il deficit energetico dell'Ue sale a causa della crisi ucraina)

Quali?
"Sotto un certo punto di vista possiamo dire che lo shock maggiore si è avuto il mese scorso, quando sul mercato si è passato il peggio per i rincari dei prezzi. In questi giorni, nonostante l'invasione, controllo ogni mattina i flussi di gas e sono regolari. Ma non possiamo ignorare che pur se le forniture ci sono, abbiamo bollette passate da 60 a 120 euro".

Quindi, che fare?
"Nessuno può essere contro le energie rinnovabili e prevedo che la crisi porterà un'accelerazione degli investimenti e della creazione di impianti. Tuttavia abbiamo bisogno immediato di impianti che ci diano energia ad alta densità, ce lo impone la fisica, e quella ancora non riusciamo ad averla in toto dalle rinnovabili. Per questo dico che dovremmo tenerci strette le centrali a carbone e le montagnette di carbone, sono la nostra unica salvezza in caso di crisi. Tra l'altro in Italia abbiamo ottime centrali con sistemi avanzati di filtraggio".

Ma questo non significa venire meno agli accordi di Glasgow e interrompere la lotta al cambio climatico?
"Ripeto, il futuro sono le rinnovabili, soprattutto in Italia dove siamo sempre stati poveri di fonti fossili. Mi piace ricordare che abbiamo un 40% di energia proveniente dall'idroelettrico, con impianti costruiti in gran parte tra le due guerre, in nome dell'autarchia. Siamo obbligati a investire sulle rinnovabili, proprio perché i prezzi alti del gas rendono economiche le fonti alternative. Ma nell'immediato, ed è questione di fisica, l'energia che ci forniscono è intermittente".