In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Cinema

Quando Antonio Cederna salvò l'Appia Antica: il documentario sul parco ritrovato

Giuseppe Cederna
Giuseppe Cederna 
"Appia Antica, storia di una tutela" di Milo Adami, in anteprima al festival CinemAmbiente di Torino, racconta la passione del giornalista e scrittore per la "regina viarum", con la sceneggiatura di Giuseppe Cederna: "Un luogo di pace, che ricorda l'impegno sociale di mio padre"
3 minuti di lettura

L'Appia Antica, un monumento unico. Nella sua interezza, ciotoli compresi. Così Antonio Cederna definiva in uno dei suoi articoli più famosi "I Gangsters dell'Appia", la 'sua' Appia Antica. Un monumento da salvare religiosamente intatto. A riprorre la figura del giornalista e intellettuale è un piccolo documentario "Appia Antica, storia di una tutela" di Milo Adami, che viene presentato in anteprima assoluta nel corso della XXV edizione del festival CinemAmbiente di Torino nella sezione Made in italy, lo spazio filmico non competitivo che con oltre trenta titoli offre ampia testimonianza di come stia crescendo il cinema ambientale e ambientalista italiano.

Appia Antica, storia di una tutela: il trailer

"Sono tornato a parlare di Antonio Cederna - confessa il regista Milo Adami - dopo "Miriabila Urbis" (il suo precedente documentario del 2018) perché lì mi ero concentrato sulla denuncia dei guasti urbanistici di Roma che Cederna affidava con i suoi articoli alle pagine dei giornali. Il nuovo documentario nasce, invece, dal progetto che il Parco Archeologico dell'Appia Antica e l'Archivio Antonio Cederna stanno avviando per valorizzare la via Appia Antica e per creare una sorta di museo diffuso". Tutt'altro che sterile, l'impegno di tutela ambientale e urbanistica di Cederna, l'"appiomane" come lo chiamavano con affetto i colleghi, sta così affermandosi e mostrando oggi tutta la sua attualità. "Se si rileggono i suoi articoli, con un occhio legato al presente, si scopre - continua il regista - la contemporaneità delle sue osservazioni su Roma. Scoprire che articoli scritti negli anni 50 e 60 restano ancora nuovi ci deve far riflettere su come sia, o non sia, cresciuta la Capitale secondo un principio di modernità che Cederna affermava essere un diritto irrinunciabile del vivere civile".

Il breve documentario di Milo Adami racconta bene l'idea di Cederna di fare della regina viarum, un cuneo verde che dal centro della città arrivasse fino ai castelli romani, capace di regalare a tutti un paesaggio fuori dal tempo. Un progetto difficile da realizzare perché la bellezza dell'Appia Antica aveva attirato in quegli anni star del cinema, politici, diplomatici e ricchi industriali pronti a realizzare sontuose ville. Ne furono realizzate 70 in un breve periodo. "Ao' nun me fa' magna' ner sepolcro, che porta jella" pare abbia affermato Alberto Sordi nel corso di un party nella villa del produttore Carlo Ponti. Una delle tante feste sull'Appia Antica della dolce vita romana, come quella di Gina Lollobrigida organizzata per annunciare il suo ritorno al cinema dopo la maternità. Tombe, sepolcri, fregi, i pini e il vento, almeno quanto rimasto dopo un decennale saccheggio, fu salvato (almeno sulla carta visto che nel 2012 l'urbanista Vezio De Lucia ha calcolato l'esistenza di ben 2,7 milioni di metri cubi di costruzioni abusive) grazie al decreto Mancini del 1965 che vincolò l'area a parco. Senza Cederna, le sue reiterate denunce, i suoi articoli che iniziò a scrivere quando, ventottenne, venne a Roma, per proseguire i suoi studi di archeologia, probabilmente, tutta la zona sarebbe oggi, invece che pubblica, in mano ai privati.
 

Zainetto in spalla, ad accompagnare lo spettatore lungo la passeggiata nell'Appia Antica è proprio il figlio di Antonio, l'attore Giuseppe Cederna che con i fratelli Giulio e Camilla ha curato la nascita dell'archivio Cederna. "Nel documentario di Adami - spiega l'attore che ha anche firmato la sceneggiatura - percorro la Via Appia Antica esattamente come facevo con mio padre che portava spesso tutta la famiglia a passare delle ore in pieno relax e in contemplazione. Era per noi, e lo è ancora, un luogo di pace".

Giuseppe Cederna ha una personale capacità nel raccontare i luoghi. L'abbiamo visto come accompagnatore già nei documentari "Ogni posto è una miniera" di Simone Corallini e in "A riveder le stelle" film diretto da Emanuele Caruso. Nel primo raccontava in forma poetica il quartiere Quarticciolo di Roma, nel secondo è stato impegnato in una camminata lunga sette giorni tra le montagne della Val Grande piemontese. Del resto Giuseppe, già da piccolo, aveva guadagnato un suo ruolo di testimone degli spazi e dei territori quando veniva ritratto in un angolo, spesso quasi nascosto, nelle foto che il padre faceva per documentare le sue inchieste. Ma essere ripreso a camminare per l'Appia Antica è diverso. Quasi commovente.


"È un luogo speciale. - racconta Giuseppe Cederna - Non solo perché l'Archivio Cederna ha sede nel sito archeologico di Capo di Bove lungo la Via Appia Antica, ma soprattutto perché questa strada rappresenta tutto l'impegno civile e ambientale di nostro padre. Sapere che il ministero della Cultura ha in questi giorni avviato l'iter per la candidatura di Via Appia Antica all'iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, ci sembra il coronamento perfetto."

 

Festival Cinemambiente  Tutti i film in programma