In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
I protagonisti

"Sogno di tornare in Ucraina a scioperare per il clima"

Ilyess El Kortbi, 25 anni, co-fondatore di Fridays for Future Ucraina
Ilyess El Kortbi, 25 anni, co-fondatore di Fridays for Future Ucraina 
A Torino anche uno dei cofondatori di Fridays For Future Ucraina, scappato dalla guerra. "Sono qui per portare un messaggio di pace, per provare a cambiare le cose"
2 minuti di lettura

A Ilyess El Kortbi trema la voce quando parla della sua terra, l'Ucraina. Ha in mano il cartello del suo primo sciopero per il clima che fece nel 2019, prima che tutto cambiasse, e in testa ha tante cose da dire. A Torino, al Meeting europeo di Fridays For Future, è arrivato dalla Germania, il luogo in cui si è rifugiato dallo scoppio della guerra e dopo aver passato tante notti sui confini.


Ha 25 anni, è uno dei co-fondatori di Fridays For Future Ukraine, e se è arrivato nel capoluogo piemontese per unirsi ad altri attivisti è perché "stiamo tutti combattendo contro una crisi che non abbiamo causato", quella del clima, così come quella dell'invasione russa in Ucraina, "che è strettamente collegata alla crisi climatica e alla lotta per l'energia" dice all'esterno del Campus Einaudi di Torino.

"Vengo da Kharkiv - racconta a Green&Blue - e sono scappato da una guerra che anche l'Europa ha acconsentito che accadesse comprando combustibili fossili e finanziando di fatto la Russia. Se sono qui è anche per portare, insieme ai miei compagni, un messaggio di pace e giustizia. Ben prima della guerra, nella mia città, abbiamo iniziato a scioperare per il clima e chiedere ai potenti una risposta per un mondo con una giustizia climatica reale, con un sistema che fosse basato sulle rinnovabili e non più dipendente dai combustibili fossili che sono alla base di tanti conflitti e dell'aumento delle emissioni".
 

El Kortbi racconta come già prima del conflitto scioperare in Ucraina non fosse semplice. "La mia città è solo a 30 chilometri dal confine russo e vi assicuro che anche scioperare per il clima, per cercare di coinvolgere le persone, è un rischio. Eravamo spaventati dal farlo, ma eravamo ancora più spaventati per il nostro futuro in questo Pianeta che si surriscalda".
 

Adesso, nonostante la guerra, da Kharkiv ha notizie di attivisti che continuano a provare a parlare di emergenza clima, perché anche se potrebbe "sembrare il problema minore, quando c'è un conflitto in corso, in realtà non lo è".

A Torino, lui e i suoi colleghi hanno parlato agli altri attivisti della loro esperienza, della paura, ma anche della speranza. "Siamo speranzosi - dice - perché le persone stanno sia supportando e aiutando l'Ucraina, sia iniziando a interessarsi davvero - anche grazie alle nostre azioni - alla crisi del clima, così come a solidarizzare con i paesi Mapa, i più colpiti dalla crisi climatica, che oggi qui sono rappresentati da tanti giovani".
 

Quando tornerà la pace, dice, non sa come saranno ridotte le foreste del suo Paese, la biodiversità, gli ecosistemi distrutti dalle bombe, i campi da coltivare. Di una cosa però è scelta "da adesso in poi dovremmo poter scegliere le energie che consumiamo e scegliere quelle pulite perché se continueremo con le fonti fossili ci saranno altri conflitti".
 

Racconta dal suo punto di vista che "se l'Europa permette che una guerra accada vicino alle case delle persone, come gli altri Paesi vicini che guardano alla ricca Europa  possono pensare che il Vecchio Continente si occuperà davvero della crisi climatica? Oppure possa davvero diventare carbon neutral? Per poter davvero essere neutrale non dovrebbe più esserci alcuna dipendenza dal gas russo".
 

Ora, conclude Ilyess, ha un sogno. Tornare e scioperare per il clima. "Adesso vivo in Germania, per ora. Continuo a pensare a amici e colleghi di Fridays che in Ucraina sono morti. Prima di arrivare dove sto adesso ho passato le notti ad aspettare, nelle zone di confine. Poi ho fatto il passo: ho abbandonato la mia vita e ho dovuto lasciare tutto alle spalle. Per cui quello che posso fare adesso è andare in più città europee possibili per portare la mia testimonianza e l'appello per un reale cambiamento, un messaggio di pace. Spero presto di tornare in Ucraina. Continuo a fare dei sogni in cui mi rivedo mentre scherzo e rido con gli amici a Kharkiv, ma sono solo sogni: loro non ci sono più. Anche loro combattevano contro quella che io chiamo una climate war, una guerra del clima. Loro non torneranno, ma la "guerra" in cui ci sta portando il riscaldamento globale, agendo, può ancora essere combattuta fermando le emissioni, prima che altre persone muoiano".