In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Inquinamento

Lo studio: la microplastica è anche in Antartide ma il pinguino imperatore per ora è salvo

Pinguini imperatore (Brocken Inaglory, CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons)
Pinguini imperatore (Brocken Inaglory, CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons) 
Una ricerca britannica conferma: i pinguini imperatore osservati nell'Atka Bay non hanno ingerito plastica. Ma, oltre all'inquinamento, a minacciare le colonie è la fusione dei ghiacci
2 minuti di lettura

Nessun angolo del pianeta è ormai libero dalle microplastiche. Sono state trovate persino nei campioni di neve in Antartide. Nella barriera di Ross e vicino alla stazione McMurdo, la base antartica americana, si è visto che la concentrazione è più bassa che in altre regioni del pianeta, ma i residui rintracciati provengono anche da luoghi remoti, a 6 mila chilometri di distanza. L'inquinamento deriva perlopiù dal Pet, il materiale più utilizzato per bottiglie e contenitori alimentari. In questa desolazione, c'è però una buona notizia: uno studio dell'Università di Canterbury certifica che il pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri) almeno per ora sembra essersi salvato. I ricercatori hanno analizzato alcuni pulcini morti per cause naturali, per scoprire che nel loro stomaco non vi erano scarti di plastica, se non fibre di orgine naturale.

Lo studio è stato condotto nell'Atka Bay, popolata da una delle 10 colonie più grandi di pinguino imperatore con ben 9600 individui. Ma non priva del tutto di microplastiche, che risultano comunque presenti nell'acqua e rischiano di entrare nella catena alimentare. Come già visto purtroppo in altre specie di pinguini che vivono nelle zone più vicine alle basi scientifiche. I ricercatori dell'Università di Coimbra hanno infatti trovato tracce di microplastiche nel 15%, 28% e 29% delle feci di pinguini di Adelia, Gentoo e King.

La presenza del pinguino imperatore, considerato un superpredatore, è dunque un ottimo bionindicatore dello stato di salute dell'habitat. Si tratta infatti di un uccello che vive perlopiù in aree remote e isolate, ha una taglia che supera quella dei suoi simili ed è la specie che dimostra atteggiamenti genitoriali di maggiore accudimento. Ai pulcini, allevati sulle piattaforme di ghiaccio marino, vengono dedicati mesi e mesi di cure durante il periodo dell'anno con il clima più rigido. Durante la cova le femmine si allontanano per cercare cibo, mentre i maschi proteggono l'uovo trattenendolo fra le loro zampe per oltre 60 giorni. Se la schiusa dovesse verificarsi prima che torni la femmina, il maschio sarà in grado di produrre una secrezione esofagea che può nutrire il piccolo per almeno due settimane. Per tutto il primo anno di vita del pulcino i genitori restano nei pressi dell'Oceano meridionale e si spostano solo di 200 chilometri per approvvigionarsi.


Lo stomaco dei pulcini è quindi una vera miniera di indizi per gli scienziati che studiano la traformazione dell'ambiente circostante. La dieta del pinguino imperatore si basa su pesce, krill e calamari e il piumaggio viene studiato per rilevare, ad esempio, la presenza di metalli pesanti. Purtroppo questi uccelli sono però molto vulnerabili al cambiamento climatico. La specie che sopravvive alle temperature più estreme ora sconta una riduzione dei ghiacci arrivata al 60% negli ultimi 30 anni e le speranze che il pinguino imperatore non si estingua entro il 2100 si fanno sempre più labili.