In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Rinnovabili

Lo stadio del Galatasaray nel Guinness dei primati per l'energia solare

Il Türk Telekom Stadium
Il Türk Telekom Stadium 
I 10mila pannelli messi sul tetto del Türk Telekom Stadium a marzo hanno prodotto 4,2 megawatt di energia. Un grande ritorno economico per il club a livello di costi e un ottimo investimento ambientale visto che si prevede di tagliare le emissioni di CO2 di circa 3.250 tonnellate
1 minuti di lettura

Una squadra di calcio, il Galatasaray, entra nel guinness dei primati ma per meriti ecologici e non sportivi. La storica società turca ha conseguito a marzo il primato mondiale di maggior produzione di energia solare dai pannelli solari di uno stadio. Infatti, grazie a un accordo con la società energetica turca Enerjisa, sul tetto del Türk Telekom Stadium sono stati impiantati 10mila pannelli solari su una superficie di 40mila metri quadri che, nel mese di marzo, appunto, hanno prodotto 4,2 megawatt sbalzando dal primo posto l'Estádio Nacional de Brasília Mané Garrincha.

 

Per il club si è trattato di un grande investimento, l'impianto è costato 2,1 milioni di euro ha una capacità di trasmissione in grado di fornire elettricità a 2mila famiglie e di tagliare l'emissione annuale di CO2 di circa 3.250 tonnellate, il che, secondo gli esperti, permetterà di salvare 200.000 alberi nell'arco dei 25 anni di vita dell'impianto. Ma ci saranno anche degli enormi vantaggi economici, poiché secondo il Galatasaray, l'impianto solare, contribuirà per oltre 1 miliardo di TRY (67 milioni di dollari) al club nei prossimi 25 anni. L'energia solare prodotta dai pannelli, infatti, fornisce tra il 63 e il 65% del consumo di elettricità dello stadio. Mentre i prezzi dell'elettricità sono aumentati, il prezzo dell'energia solare - che il club acquista da Enerjisa - è rimasto invariato, con un risparmio di circa 385.000 euro tra gennaio e agosto.

Il club, inoltre, acquista tutta l'energia prodotta dai pannelli da Enerjisa, ma poiché lo stadio utilizza il suo sistema di illuminazione solo per 150 ore durante 25 partite all'anno, ottiene più elettricità di quella di cui ha bisogno e il resto viene venduto al Comune, producendo ulteriori ricavi. Il Direttore dello stadio Ali Celikkiran ha confermato che si tratta di ingenti guadagni ma non ha voluto rivelare l’importo preciso.

Tra nove anni, il contratto del Galatasaray con Enerjisa terminerà e il controllo completo passerà al club. Da quel momento in poi, il Galatasaray non dovrà pagare nessun altro per l'elettricità, continuando a guadagnare dalla vendita dell'energia extra che lo stadio non utilizza. Si pensava, dunque, che ci sarebbero voluti anni, prima di vedere dei reali benefici, ma l’impennata improvvisa dei prezzi dell’energia elettrica e il conseguente aumento dell’inflazione ha accelerato anche i risparmi considerevoli di una scelta che si è dimostrata molto lungimirante anche dal punto di vista ambientale.