In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Il report WWF
In 50 anni abbiamo perso il 69% della fauna selvatica

In 50 anni abbiamo perso il 69% della fauna selvatica

Consumiamo come se avessimo due pianeti a disposizione. Lo sostiene il rapporto Living Planet Index, tracciando il declino dei vertebrati. "È tempo di ripensare il rapporto con la natura"

4 minuti di lettura

Da sola questa cifra dovrebbe portare a chiederci "cosa stiamo facendo a questo Pianeta?": dal 1970 a oggi le popolazioni dei vertebrati sulla Terra, come pesci, anfibi, rettili, mammiferi o uccelli, sono crollate in media del 69%.
 


Osservando da vicino le tracce di questo terrificante declino, si trovano impronte chiare: quelle dell'uomo e delle sue attività, complici delle emissioni climalteranti in atmosfera e del devastante impatto che l'agricoltura ha avuto finora sulla biodiversità.

A tracciare un quadro delle difficoltà di milioni di specie e della crisi biologica in corso è il "Living Planet Report Wwf (LPR)", studio realizzato a livello globale dal Wwf e pubblicato ogni due anni, per dare conto di quanto sta accadendo alla fauna selvatica del Pianeta.

Il crollo delle popolazioni di fauna selvatica

Le cifre del 2022, con l'integrazione di preziose statistiche tradotte e arrivate da quel Brasile che ospita l'Amazzonia, descrivono i cambiamenti avvenuti negli ecosistemi di tutto il mondo fra il 1970 e il 2018 grazie all'analisi dei dati del Living Planet Index (LPI) forniti nel rapporto della ZSL (Zoological Society of London).

 
Sono state studiate quasi 32mila popolazioni di 5.230 specie di vertebrati, indicando per esempio come soprattutto nelle regioni tropicali - tra le più ricche di biodiversità ma anche le più colpite dall'emergenza climatica - si è verificato un crollo nelle popolazioni animali. Impressionante il declino registrato in America Latina e nei Caraibi: qui le popolazioni di fauna selvatica sono diminuite in media del 94%. Nello stesso periodo, in Africa si è registrato un calo del 66%, mentre nell'area dell'Asia toccata dal Pacifico del 55%.

(Infografica a cura di Gedi Visual)


Fra gli animali più colpiti in assoluto dai cambiamenti e dall'impatto delle attività umane ci sono le popolazioni d'acqua dolce: sono calate dell'83% e si tratta del peggior declino di qualsiasi gruppo di specie, dovuto a perdita di habitat, pesca, barriere alle rotte migratorie (solo il 37% dei fiumi più lunghi di 1000 km rimane libero per l’intera lunghezza) e altre minacce.
 
Non va meglio ad alcune specie che popolano i mari: un esempio per tutte sono squali e razze, che scompaiono sempre più rapidamente, con le popolazioni diminuite del 71% negli ultimi 50 anni principalmente a causa di un aumento di 18 volte della pressione di pesca dal 1970.

Ma drammatiche sono anche le condizioni degli affascinanti delfini rosa di fiume dell'Amazzonia, le cui popolazioni sono crollate del 65% (tra il 1994 e il 2016) nella Riserva di sviluppo sostenibile di Mamirauá, oppure dei gorilla di pianura orientale con un declino stimato dell'80% (1994-2019) nel Parco nazionale di Kahuzi-Biega della Repubblica Democratica del Congo o ancora dei cuccioli di leone marino dell'Australia meridionale e occidentale, il cui numero è calato di due terzi tra il 1977 e il 2019.

Consumiamo come se avessimo due pianeti

Se si è arrivati a un tale declino delle specie è anche perché noi esseri umani sfruttiamo questo Pianeta come se ne esistessero due. L'impronta ecologica dell'umanità supera infatti la biocapacità della Terra, cioè la capacità dei suoi ecosistemi di rigenerarsi.
 

(Infografica a cura di Gedi Visual)


Se osserviamo l'impronta ecologica emerge che l'umanità sfrutta il Pianeta in eccesso per almeno il 75% (che equivale a utilizzare 1,75 pianeti) e questo "erode la salute della Terra e le prospettive dell'umanità stessa" ricorda il rapporto.
 
Se per esempio guardiamo all'uso del suolo che facciamo, il 60% è relativo all'impronta di carbonio e il 19% a quella dei terreni coltivati e da sole queste due cifre restituiscono l'impatto che abbiamo sul Pianeta (se invece osserviamo la nostra impronta a seconda delle attività è soprattutto per cibo 30%, abitazioni 22% e servizi 19%).
 

(Infografica a cura di Gedi Visual)

Analizzando quanto consumiamo sulla Terra a seconda della popolazione emerge poi come in alcune aree del globo sfruttiamo eccessivamente le risorse. Per vivere entro la capacità del nostro Pianeta l'impronta ecologica dell'uomo dovrebbe essere inferiore alla biocapacità (1,6 ettari globali a persona). Ci sono aree però, come Stati Uniti o Australia, dove l'impronta ecologica è superiore a 6,4 ettari globali, il che significa che la domanda dei residenti di cibo, aree urbane o altri fattori è quattro volte superiore a quella disponibile a persona.

Una società natura-positiva

Secondo il Wwf, che in Italia ha presentato il rapporto Living Planet oggi a Villa Lubin a Roma, è necessaria una immediata azione di trasformazione per invertire la drammatica perdita di biodiversità "che insieme all’emergenza del cambiamento climatico indotto dall'uomo minaccia il benessere delle generazioni attuali e future".
 
Per farlo dobbiamo costruire una "società natura-positiva", seguendo esempi che dal Costa Rica delle rinnovabili ai progetti di tutela di alcune zone dell'Africa indicano la via su come come limitare il riscaldamento globale a 1,5°C e invertire la perdita di biodiversità entro il 2030.
 
Fra meno di due mesi ci sarà la conferenza Cop15 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica (e prima ancora la Cop27 sul Clima), una opportunità "irripetibile per garantire un ambizioso piano globale che vincola tutti i governi a una serie di impegni comuni per fermare e invertire il declino della biodiversità" sottolinea il Wwf.
 
Per Marco Lambertini, direttore generale del Wwf internazionale, "alla conferenza sulla biodiversità  i leader avranno l'opportunità di reimpostare il nostro rapporto con il mondo naturale e di offrire un futuro più sano e sostenibile per tutti, con un ambizioso accordo sulla biodiversità globale che sia nature-positive, passando per esempio attraverso la trasformazione dei settori che causano la perdita di natura, e il sostegno finanziario ai Paesi in via di sviluppo".  

Andrew Terry, direttore Conservazione e Politiche della Zoological Society of London, ricorda invece come "metà dell'economia globale e miliardi di persone dipendono direttamente dalla natura. Prevenire un'ulteriore perdita di biodiversità e ripristinare gli ecosistemi vitali deve essere in cima alle agende globali per affrontare le crescenti crisi climatica, ambientale e di salute pubblica".
 
I problemi da contrastare sono crescenti: dall'uso che facciamo di suolo e mare all'inquinamento, così come l'avanzare delle specie aliene, il bracconaggio, la deforestazione e tutti gli effetti della crisi climatica. "Per invertire la perdita di natura e garantire un futuro più sicuro e sano per tutti è indispensabile dimezzare l'impronta globale di produzione e consumo entro il 2030. Abbiamo bisogno di trasformare radicalmente la nostra cultura e la nostra società", dice il presidente di Wwf Italia, Luciano Di Tizio

"In Italia il Wwf ha avanzato proposte concrete che ci auguriamo che il Parlamento che si insedia oggi e il governo che seguirà mettano al centro dell'agenda: entro un anno serve una legge sul clima, una per contrastare il consumo del suolo ed un Codice della Natura per razionalizzare tutte le norme a tutela della nostra biodiversità" conclude il presidente del Wwf Italia.