In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Giornata mondiale dell'alimentazione

Sprechiamo ancora troppo cibo, crescono i rifiuti alimentari

Sprechiamo ancora troppo cibo, crescono i rifiuti alimentari
Ogni anno produciamo 120 chili di rifiuti di origine animale e vegetale ciascuno, con un impatto sia sulla cultura alimentare sia sull'ambiente in termini di emissioni di gas serra
1 minuti di lettura

Il 16 ottobre è la giornata mondiale dell'alimentazione, data in cui si celebra la fondazione dell'Organizzazione delle nazioni unti per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) avvenuta nel 1945 e nata con lo scopo di costruire un modello sostenibile affinché ogni essere umano abbia di che sfamarsi.

È quindi un momento propizio per parlare di sprechi alimentari fenomeno che, sostiene l'Onu, nel 2019 ha visto andare sprecato il 17% del cibo in gran parte (per l'11% del totale) dopo essere stato acquistato e quindi ascrivibile ai distributori e ai consumatori finali. Si tratta quasi di un miliardo di tonnellate a livello globale. Inoltre, secondo i dati raccolti dal Programma delle Nazioni unite per l'ambiente (Unep), è uno spreco che genera fino al 10% delle emissioni di gas serra. Benché raccogliere dati globali attendibili sia un'impresa complessa, si può ragionare su quelli europei che offrono una maggiore affidabilità.

In Europa: l'Italia sprecona (al sesto posto)

I dati europei, messi a disposizione dall'Eurostat e rielaborati da Openpolis, dimostrano come l'Italia, a livello domestico, produca 120 chilogrammi pro capite di rifiuti vegetali e animali, situandosi così sesta tra i Paesi più inclini allo spreco.

In Italia

Offre una doppia lettura poiché, se si osservano i dati dal 2010 al 2020 si scova una diminuzione dei rifiuti alimentari, soprattutto quelli di natura vegetale. Se si restringe lo spettro di osservazione dal 2012 in poi, ossia dall'anno in cui abbiamo prodotto il minore numero di scarti domestici, l'andamento è inverso. Nel 2020 gli italiani hanno prodotto 8,4 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari, ossia il 7% in meno in rapporto al 2010 ma il 48% in più rispetto al 2012.
 

Osservando soltanto i rifiuti alimentari domestici, inoltre, la produzione totale è passata da 4 a più di 7 milioni di tonnellate nel corso dei 10 anni presi in esame, con un aumento del 71%. Un aumento che riguarda soprattutto gli scarti animali (da 2,5 a 5,2 milioni di tonnellate, quindi il 110% circa) e meno quelli vegetali, cresciuti del 16,5%

È soprattutto culturale il meccanismo che spingerebbe ad acquistare generi alimentari destinati a finire nella spazzatura, occorrerebbe un intervento che possa correggere questo approccio. Il rimedio più efficace sarebbe quello della sensibilizzazione, anche nelle scuole, come suggerisce il direttore scientifico dell'Osservatorio Waste Watcher international, Andrea Segrè.