In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L'evento

Al C40 Summit le strategie delle città contro la crisi climatica

Al C40 Summit le strategie delle città contro la crisi climatica
A Buenos Aires dal 19 al 21 ottobre il Cities Climate Leadership Group, dove sindaci ed esperti discuteranno di misure, soluzioni e progressi per contrastare la crisi climatica
3 minuti di lettura

Erano diciotto nel 2005, quando nacque l'alleanza, oggi sono poco meno di cento. C40, ovvero il Cities Climate Leadership Group, rete di 97 grandi metropoli fra le quali anche le italiane Roma, Milano e Venezia, si è dato appuntamento a Buenos Aires, in Argentina, dopo la pausa forzata dovuta all'emergenza sanitaria. Dal 19 al 21 ottobre sindaci ed esperti discuteranno di quali misure adottare per cercare di non superare la soglia di 1,5 gradi di temperatura, "mostrando i progressi compiuti dalle città globali nell'affrontare la crisi climatica durante la pandemia".
 

Al C40 Summit interverranno nomi di peso, si tratta del resto di un gruppo di città nelle quali vivono 582 milioni di persone e che hanno l'obiettivo comune di combattere la crisi climatica. Oltre al padrone di casa, il sindaco della capitale argentina Horacio Rodríguez Larreta, sul palco saliranno fra gli altri Ada Colau di Barcellona, Sophie Hæstorp Andersen di Copenhagen, Eric Garcetti di Los Angeles, Sadiq Khan di Londra, Claudia López di Bogotá, Oh Se-hoon di Seoul, Elizabeth Tawiah Sackey di Accra, Ricardo Nunes di San Paolo e Yuriko Koike di Tokyo. E per l'Italia Roberto Gualtieri, sindaco Roma e Giuseppe Sala, sindaco di Milano.

Al loro fianco figure del calibro di António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, Jeffrey Sachs, direttore del Centre for Sustainable Development della Columbia University, Carlos Moreno, professore della Sorbona di Parigi che durante la pandemia lanciò l'idea della città da 15 minuti, Michael Bloomberg, ex sindaco di New York e oggi inviato speciale per le ambizioni e soluzioni climatiche delle Nazioni Unite, Sir David King, che ha creato il Centre for Climate Repair alla Cambridge University. 
 

Sulla carta il Summit di Buenos Aires sembra quindi l'appuntamento per eccellenza per capire i passi avanti fatti e quelli che bisognerà fare, tenendo presente che le città occupano il 2% della superficie terrestre ma ospitano più di metà della popolazione assorbendo oltre il 70% dell'energia prodotta e emettendo l'80% dei gas serra. Si trovano in una situazione difficile sia perché sono parte del problema sia per il rapporto non sempre facile con i governi centrali. Specie quest'anno con una Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop27), si svolgerà dal 6 al 18 novembre a Sharm El Sheikh, che molti commentatori guardano con poche speranze ancor prima del suo inizio.
 

Secondo l'alleanza C40 Cities, strategie adeguate potrebbero portare a dimezzare in cinque anni le emissioni. La riduzione più alta nei Paesi ad alto reddito mai registrata. Inoltre, gli investimenti in politiche ambientali potrebbero creare oltre 50 milioni di posti di lavoro, facendo calare al stesso tempo l'inquinamento atmosferico fino al 29% in dieci anni e prevenendo così oltre 270mila morti premature nelle città che fanno parte dell'associazione. Del resto per rimanere al di sotto del grado e mezzo nell'aumento della temperatura, le emissioni medie pro capite dei residenti delle metropoli che aderiscono al C40 devono per forza diminuire del 50% entro il 2030.


Bisognerebbe però puntare sulla "capacità adattiva delle metropoli", come la definisce Sir David King nel rapporto Cities in a climate crisis pubblicato in queste ore del Climate Crisis Advisory Group (Ccag) che ha lui stesso fondato. "Può consentire una ripresa rapida. Eppure la maggior parte delle persone nelle città del mondo respira aria inquinata, che uccide circa sette milioni di persone ogni anno. Molti inoltre non hanno accesso ad acqua e servizi igienico-sanitari sicuri e a prezzi accessibili e vivono in aree soggette a disastri a causa di eventi climatici estremi. La maggior parte delle città offre opzioni di trasporto inadeguate. In termini assoluti, l'uso e il consumo di energia sono maggiori che in altre aree".
 

Coloro che sono nati negli ultimi 20 anni, sostiene il Ccag, subiranno effetti sempre più gravi. Effetti che ricadranno soprattutto sulle fasce della popolazione mondiale più povere che hanno un ruolo marginale nelle emissioni di gas serra. L'Oxfam, la confederazione internazionale di organizzazioni non profit che si dedicano alla riduzione della povertà globale, riferisce che i fondi necessari per far fronte al disastro climatico sono aumentati dell'800% negli ultimi due decenni.
 

Di qui la necessità di intervenire iniziando dal trasporto su strada, la prima fonte di inquinamento atmosferico a livello globale ed è responsabile di un terzo delle emissioni di gas serra nelle città. "Le metropoli C40 stanno costruendo un futuro con emissioni ridotte, in cui la maggior parte dei residenti potrà viaggiare a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici, garantendo al contempo che i restanti viaggi in auto siano effettuati utilizzando veicoli a emissioni zero", fa sapere la rete delle metropoli. Si tratta di una svolta netta della quale si possono vedere tracce in capitali come Parigi che ha puntato molto sulle biciclette, ma che è ancora lontana dall'essere completata. E di tempo, stando a climatologi come Isabelle Seneviratne, ne abbiamo davvero poco per invertire la rotta.

Fra comunità energetiche, gestione dei rifiuti, creazione di nuovi spazi verdi, impiego dei sensori per avere in tempo reale il polso di quel che accade iniziando dal traffico e dall'inquinamento dell'aria, l'illuminazione a led come quella della stessa Buenos Aires che è stata la prima metropoli a passare completamente alle lampadine di nuova generazione, durante i due giorni del C40 Summit verranno affrontati tutti o quasi i temi fondamentali legati al tentativo di molte metropoli di arrivare alla neutralità carbonica entro il 2050 e in alcuni casi addirittura entro il 2030. Obbiettivi ambiziosi che in Argentina ci si aspetta siano supportati da dati e fatti concreti.