In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Biodversità

Climate change, nessuno ferma le specie aliene: ora fanno rotta verso l’Atlantico

Pesce palla maculati (Lionfish Zante)
Pesce palla maculati (Lionfish Zante) 
Una nuova direzione trans-oceanica potrebbe interessare le specie marine indo-pacifiche, che hanno già colonizzato il Mediterraneo entrando dal Canale di Suez: è l’ipotesi di una ricerca coordinata dal Cnr-Irbim
2 minuti di lettura

Avanzano, favorite dai cambiamenti climatici. Sfruttando la tropicalizzazione dei nostri mari. E, il più delle volte, concorrendo ad armi impari con le specie autoctone. Ma ora l'ultima frontiera delle specie aliene che hanno colonizzato il Mar Mediterraneo, approdandovi nel corso dei decenni attraverso il Canale di Suez, è oltrepassare le colonne d'Ercole. Arrivando così all'Oceano Atlantico. È quanto ipotizza una ricerca coordinata dal Cnr-Irbim, i cui esiti - pubblicati su Frontiers in Ecology and the Environment - aprono nuovi ed inquietanti scenari, supportati da un set di modelli di distribuzione sviluppati per dieci specie ittiche. "Proprio così - annuisce Ernesto Azzurro, dell'Istituto per le Risorse Biologiche e le Biotecnologie Marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche del (CNR-IRBIM), tra gli autori dello studio - Questi modelli illustrano come i cambiamenti climatici stiano progressivamente indebolendo quelle barriere climatiche che avevano finora limitato l'espansione geografica di molte specie aliene del Mediterraneo. E ci siamo chiesti: potranno queste specie espandersi oltre lo stretto di Gibilterra?".

Lionfish Pterois Volitans Bonaire
Lionfish Pterois Volitans Bonaire 

Pochi dubbi, a quanto pare: in un futuro non troppo remoto, benché ancora indefinito, gli "alieni" estenderanno il loro areale di diffusione. Aprendo un ponte ideale tra l'Oceano Indo-Pacifico, dal quale provengono, e l'Atlantico, separati da milioni di anni. In una sorta di inquietante ritorno alla Tetide, il grande oceano marino che circondava le terre emerse milioni di anni fa. "Siamo di fronte a uno scenario di omogenizzazione biotica dalle conseguenze difficilmente prevedibili", conferma Manuela D'Amen dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale Roma (Ispra).

 

E le prime specie a compiere il salto potrebbero essere quelle che hanno già raggiunto i settori più occidentali del Mediterraneo, come il pesce palla maculato (Lagocephalus sceleratus), il pesce flauto (Fistularia commersonii) e la sardina di Golani (Etrumeus golanii). Potrebbero essere loro i pionieri di una nuova e straordinaria espansione geografica che impone ai ricercatori una serie di riflessioni sulle conseguenze dei grandi cambiamenti climatici sulla biodiversità. E a seguirli potrebbero essere altre tra le oltre cento specie ittiche entrate in Mediterraneo attraverso il canale di Suez, 76 delle quali hanno già stabilito popolazioni permanenti, con effetti spesso nocivi per le popolazioni native, costrette a soccombere a nuovi "competitor".

Lionfish Zante
Lionfish Zante 

"L'apertura del Canale di Suez nel 1896 - spiega Azzurro - ha ristabilito un contatto tra il Mar Rosso e il Mediterraneo, dando il via libera a centinaia di specie esotiche, in particolare pesci tropicali, che sono riusciti a invadere il Mare Nostrum. E la cosiddetta migrazione lessepsiana, in ossequio all'ingegnere francese Ferdinand de Lesseps, ha cambiato per sempre la storia del Mediterraneo, con rilevanti impatti ecologici e socioeconomici".


Ora, però, la questione è ancor più rilevante: le specie esotiche, già parte integrante degli ecosistemi mediterranei, non intendono fermarsi. E - benché la loro affermazione dipenda da una serie di variabili, non ultima l'interazione con le specie autoctone - lo scenario più probabile sembra lasciar presagire un futuro caratterizzato da una rapida trasformazione degli ecosistemi marini e dei servizi che essi offrono alle nostre società. Perché le specie più adatte all'attuale contesto climatico tenderanno ad affermarsi a scapito di molte specie native. La nostra specie, responsabile unica  dell'attuale climate change attraverso l'emissione di gas serra in atmosfera, è per loro un prezioso ancorché inconsapevole alleato. "Un motivo in più - concludono i ricercatori - per accelerare l'attuazione di politiche climatiche, come concordato alla scorsa Cop26 e come sostenuto dalla comunità scientifica internazionale".