In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Economia e sostenibilità

Da Venezia l'appello per un'industria della moda sostenibile

Da Venezia l'appello per un'industria della moda sostenibile
Intervista a Carlo Cici, coordinatore dello studio Just fashion transition: "Il settore cresce del 6% ma l'economia circolare è ferma al 3,5%. La filiera è stretta dalla richiesta dei brand e la pressione della finanza: dal 2024 il bilancio di sostenibilità sarà un obbligo per tutte le aziende, altrimenti si è fuori del mercato" 
5 minuti di lettura
"Ogni giorno 1 miliardo e mezzo di persone al mondo decidono come vestirsi e con quella scelta stanno mettendo in moto ognuno una filiera produttiva. Dei miliardi di capi di abbigliamento che ogni anno vengono immessi sul mercato, tra 150 e i 180, quanti saranno poi riciclati, riparati o rivenduti? Appena il 3,5%".

Parole chiare che non lasciano spazio a dubbi quelle di Sergio Tamborini, presidente del Sistema Moda Italia presente al primo forum internazionale dal titolo "The Values of Fashion" dedicato alla transizione sostenibile del mondo della moda organizzato a Venezia a cui hanno partecipato oltre a Adolfo Urso, ministro dello Sviluppo Economico, istituzioni, brand, rappresentanti di aziende e di Ong. E non è un caso si sia tenuto in Italia, visto che l'industria italiana con un fatturato di 100 miliardi e oltre 500mila addetti e 60mila aziende di filiera è al centro del dibattito globale del settore. Chiamata a indicare una strada comune.
La Fondazione Cini all'isola di San Giorgio
La Fondazione Cini all'isola di San Giorgio 
 
Alla Fondazione Cini all'isola di San Giorgio si è fatto il punto della situazione sul settore tessile che, se da una parte continua a crescere (+6%) grazie alla fast fashion, al mercato digitale e ai consumatori più giovani, dall'altra è ancora in ritardo sia sul fronte dell'economia circolare sia della sostenibilità. Ma qualcosa sta cambiando anche in questo mondo così legato alla creatività e ai cambiamenti sociali. E non solo per una scelta etica. Sono infatti le istituzioni internazionali, in particolare l'Unione europea, a spingere i brand e tutta la filiera del tessile, verso la sostenibilità con l'introduzione di strumenti di misurazione per la sostenibilità di imprese e prodotti. Ma anche il mondo della finanza sta giocando un ruolo decisivo.
 

Senza filiera sostenibile non ci saranno brand sostenibili 

 
"La svolta nel mondo della moda deve arrivare in fretta perchè la questione della sostenibilità sarà la discriminante tra l'essere o non essere sul mercato nei prossimi cinque anni - ha spiegato Carlo Cici Partner e Head of Sustainability di The European House Ambrosetti che abbiamo incontrato alla Fondazione Cini - Gli imprenditori e gli artigiani devono comprendere che se vuoi che la tua azienda sia sul mercato, devi modificare le tue perfomance di sostenibilità a partire dall'anno fiscale 2023, o al più tardi entro il 2024. Rispettando gli standard introdotti dalla nuova direttiva europea".
 
Carlo Cici coordinatore dello studio Just Fashion Transition
Carlo Cici coordinatore dello studio Just Fashion Transition 
Un mondo, quello della moda, fotografato da un lungo studio condotto dai ricercatori di The European House-Ambrosetti. Spiega ancora Cici che ha presentato la ricerca al Fashion Forum 2022: "L'Italia in particolare è la prima nazione, per numero di imprese, interessata da queste scadenze, seguita dalla Francia e dalla Germania. Per questo motivo, serve un cambiamento radicale da parte degli imprenditori, perché sostenibilità oggi significa anche accesso al credito e ai fondi europei e nazionali".

  
Scrivono i ricercatori: "L'80% degli attori della filiera afferma di ricevere pressioni dai brand per l'adozione di strategie di sostenibilità, ma poi solo il 53% delle aziende arriva alla certificazione". Al momento, però nemmeno la pressione finanziaria è percepita come un fattore trainante per la transizione sostenibile, anche per le aziende più grandi. "Ma - spiega Carlo Cici - allo stesso tempo, le pressioni che ricevono dalle banche triplica la propensione delle aziende a pubblicare un bilancio di sostenibilità".
 

Anche se piccolo, non puoi rinunciare al cambiamento 

 
Spiega ancora il manager di The European House-Ambrosetti: "Da tempo segnaliamo alle aziende che dal 21 aprile 2021 la commissione europea ha adottato la direttiva Corporate Sustainability che ha segnato un cambio indiscutibile di marcia allargando la platea degli imprenditori tenuti al reporting che non si chiamerà più 'finanziario', ma appunto di 'sostenibilità'. Saranno coinvolte tutte le aziende europee indipendente dal fatto di essere più o meno quotate in borsa. Quelle tessili non hanno compreso che sarà al centro del loro business".  
 
 "Tenute a presentare appunto il report di sostenibilità saranno tutte le piccole e medie imprese e l'obbligo scatterà dal 1 gennaio 2026 ma con i dati riferiti al 2024. E non saranno più le agenzie di rating con i loro sistemi di certificazione o i consulenti a garantire che l'azienda è sostenibile, ma una piattaforma che attraverso parametri standard decisi dalla Ue stabilirà le perfomance. La vera sfida? Fare in modo che il reporting per le aziende sia la conseguenza naturale di un processo di cambiamento. Per questo motivo continuiamo a dire agli imprenditori e agli artigiani che da adesso in poi, la sostenibilità deve fare parte integrante di ogni processo aziendale".
 

Lo studio Just Fashion Transition

"Abbiamo analizzato le perfomance economico-finanziarie di 2.700 aziende, valutando la sostenibilità di 167 aziende della filiera italiane e analizzando gli strumenti di gestione della sostenibilità delle 100 più grandi imprese europee. Ne è emerso che le aspettative di crescita al 2026 sono di circa 7,9 annuo spinte dai giovani al di sotto dei 24 anni sempre più interessati al prezzo e meno alla qualità. Anche se il 28% della Gen Z si è comunque dichiarato interessato alla sostenibilità al momento dell'acquisto", ha spiegato ancora Cici.

 
La velocizzazione dei tempi di produzione è stata, negli ultimi 30 anni, incredibile, passando dai 9 mesi degli anni Novanta ai 3 giorni del 2020. Contestualmente si registra una contrazione dei prezzi: solo in Gran Bretagna dal 1995 al 2014 il costo degli abiti è sceso del 54%, mentre gli altri beni di consumo sono aumentati del 49%.
 

Mancano i dati sull'impatto ambientale

Uno dei problemi rilevati riguarda la carenza dei dati: "È disorientante - ha affermato il ricercatore - Le emissioni di Co2 sono stimate tra il 2 e l'8%, ma non abbiamo trovato una metodologia di calcolo. Anche la stima dei consumi idrici è tre volte superiore (215 contro 79 miliardi di metri cubi). In Europa il quadro è leggermente più stabile". Nello studio si fa anche un esempio concreto a conferma della volatilità dei dati: le stime del consumo d'acqua necessario a produrre un paio di jeans variano infatti da 3.781 litri, a una cifra cinque volte maggiore, 20mila litri.
 
Sul fronte sociale la stima dei lavorati che operano nel settore a livello globale è tra i 60 e i 75 milioni di persone molti dei quali vivono in Paesi in via di sviluppo dove maggiori sono i rischi di diseguaglianze di genere, lavoro minorile e forzato, esposizione a prodotti chimici.
 

Più consapevolezza, ma per vestire green non si spende

"L'interesse per la sostenibilità diminuisce se richiede la concretezza di un'azione" spiega ancora Cici. Su 19 mila consumatori, l'80% si è dichiarato preoccupato per la sostenibilità ma solo dall'1% al 7% si è detto disponibile a spendere di più per avere un capo più green. L'obiettivo è tradurre la preoccupazione verso l'ambiente dell'opinione pubblica in comportamenti coerenti da parte dei consumatori.
 

Sei raccomandazioni per la Just Fashion Transition

Lo studio di The European House - Ambrosetti si conclude con sei raccomandazioni per gestire e non subire la transizione sostenibile del settore moda. Tra queste, uno dei nodi chiave emersi dalla ricerca: la mancanza di dati omogenei e condivisi. "Bisogna istituire un osservatorio permanente, realizzato in collaborazione con le associazioni di categoria e con le alleanze industriali, per raccogliere, sintetizzare e divulgare i dati sul settore". The European House - Ambrosetti propone di concordare le metodologie di calcolo e avviare la raccolta dei dati su: salari minimi, consumo di acqua, uso di prodotti chimici, emissioni di gas serra, materie prime riciclabili.
 
Importante la promozione di un cambiamento culturale positivo verso i consumatori che sembrano più consapevoli sui temi della sostenibilità, ma non sono disponibili a pagare un prezzo più alto per vestire in maniera green. "Bisogna sfruttare il potenziale comunicativo di esperienze come ad esempio concerti o eventi culturali per coinvolgere i consumatori soprattutto i più giovani e migliorare le loro abitudini di acquisto, con una narrazione positiva". 
 
Infine, la transizione sostenibile sarà facilitata se le imprese della filiera del lusso, presenti essenzialmente in Francia e in Italia, costituirà un'avanguardia in grado di fare sistema e di dettare l'agenda nei tavoli di lavoro europei e delle istituzioni internazionali. "Fare da soli non sarà più sufficiente, il lavoro di squadra pagherà. Per questo le alleanze tra i diversi attori della filiera saranno cruciali - spiega ancora Carlo Cici che conclude - il nostro appello agli imprenditori della moda è dunque questo: la competizioni può continuare in tutto i campi, ma non su quello della sostenibilità. Su questo cerchiamo di trovare una strada comune".