In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Crisi climatica

Negli ultimi 30 anni in Europa le temperature sono aumentate di oltre il doppio

Negli ultimi 30 anni in Europa le temperature sono aumentate di oltre il doppio
(ansa)
È il valore maggiore tra i cinque continenti. Ormai la media è di +0.5 gradi per decennio. L'allarme lanciato da Wmo e Copernicus. "Fare di più per combattere emissioni e mitigare i rischi"
2 minuti di lettura

Negli ultimi 30 anni le temperature in Europa sono aumentate più del doppio rispetto alla media globale. Si tratta del valore più alto di tutti i continenti del Pianeta. Tra il 1991 e il 2021 siamo ormai a una media di circa +0.5 °C per decennio. Questa escalation drammatica dell'accelerazione della crisi climatica, che tra alluvioni, siccità e fenomeni meteo estremi è ormai ben visibile ai nostri occhi, viene raccontata anche attraverso dati e analisi di un altro prezioso sguardo, quello dei satelliti.


A spiegare come sta velocemente cambiando il clima nel Vecchio Continente è infatti il nuovo "Rapporto sullo Stato del Clima in Europa" realizzato dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale (World Meteorological Organization - WMO) insieme al Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service - C3S) dell'Unione Europea. Le cifre e le analisi si focalizzano sul 2021, uno degli anni più colpiti dalla crisi, anche in Italia, con inondazioni, incendi e temperature record.
 


Ma soprattutto uno Stivale dove l'assenza di neve e pioggia stanno radicalmente trasformando i territori. Per dire: dal 1997 al 2021 i ghiacciai alpini hanno perso 30 metri di spessore. L'Italia nel rapporto viene citata più volte proprio come Paese simbolo per l'impatto di siccità, temperature elevate (come i 48,8 gradi toccati in provincia di Siracusa) ed eventi meteo sempre più intensi.
 

Nel 2021 - anno in cui  a Groenlandia ha registrato  per la prima volta in assoluto un episodio di precipitazioni sotto forma di pioggia nel suo punto più alto -  gli eventi meteorologici hanno causato centinaia di vittime colpendo direttamente più di mezzo milione di persone e provocando danni economici superiori a 50 miliardi di dollari. L'84% di questi eventi si riferisce a inondazioni o tempeste che in Europa sono stati la causa dell'85% delle vittime.
 
In questo contesto che descrive una situazione allarmante per il Vecchio Continente, il report WMO sottolinea però anche i giusti sforzi fatti finora nel tentativo di ridurre le emissioni di gas serra che sono diminuite in Unione Europea del 31% tra il 1990 e il 2020 (con obiettivo di riduzione netta del 55% per il 2030). L'Europa, sostiene l'analisi, "è tra le più avanzate nella cooperazione transfrontaliera in materia di adattamento ai cambiamenti climatici, in particolar modo per quel che concerne i bacini fluviali transnazionali. È tra i leader mondiali nell'offerta di sistemi d'allarme rapidi ed efficaci a protezione di circa il 75% dei suoi abitanti. I piani d'azione messi in atto contro il caldo hanno salvato molte vite dal caldo estremo".
 
Per Petteri Taalas, segretario generale dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale, "l'Europa restituisce l'immagine in diretta di un mondo che si sta surriscaldando e ci ricorda che anche le società più preparate non sono al sicuro dall'impatto che possono avere gli eventi meteorologici estremi. Quest'anno, così come nel 2021, vaste zone europee sono state colpite da ondate di calore e siccità di lunga durata, che hanno alimentato incendi. Nel 2021 inondazioni eccezionali hanno causato morti e devastazione.

Per quanto riguarda le azioni di mitigazione del cambiamento climatico, è necessario proseguire con un buon ritmo in ottica di riduzione delle emissioni di gas serra nel continente e si dovrebbe puntare ancora più in alto. L'Europa può svolgere un ruolo chiave nel raggiungimento di una società a zero emissioni di carbonio entro la metà del secolo e nel rispetto dell'Accordo di Parigi".

Il caldo anomalo c'è sempre stato? Scoprilo con il "codice a barre" delle temperature in Italia dal 1901


Secondo l'italiano Carlo Buontempo, direttore del Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus, "la società europea è particolarmente soggetta alla variabilità e ai cambiamenti climatici e proprio per questo, l'Europa è in prima linea nello sforzo internazionale di mitigare i cambiamenti climatici e sviluppare soluzioni innovative finalizzate all'adattamento al nuovo clima con cui i cittadini europei dovranno imparare a convivere. Man mano che i rischi e l'impatto del cambiamento climatico diventano sempre più evidenti nella vita di tutti i giorni, crescono giustamente anche la necessità e l'interesse verso l'intelligence climatica. Con questo rapporto intendiamo colmare il divario tra i dati e l'analisi per offrire informazioni scientifiche ma accessibili, utili alla presa di decisioni in tutti i settori e in tutte le professioni".