In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Ambiente

Svelato il segreto dei cerchi delle fate del Namib

Stephan Getzin (via Beavis729), CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons
Stephan Getzin (via Beavis729), CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons 
Le conformazioni vegetali peculiari di un'area remota della Namibia nascono da una sorta di auto-organizzazione che permette all'erba di sopravvivere anche in condizioni così estreme
2 minuti di lettura

Cerchi verdi che punteggiano il paesaggio a perdita d'occhio, sullo sfondo sabbioso del deserto del Namib. Sono i "cerchi delle fate", zone circolari prive di vegetazione contornate da alti ciuffi di erba, caratteristiche di questa zona della Namibia e dall'origine piuttosto misteriosa. La presenza di formazioni vegetali così peculiari in un'area estremamente secca, e la loro forma incredibilmente regolare, hanno dato origine a una moltitudine di spiegazioni che chiamano in campo un po' di tutto: dalla scienza, alle cause più sovrannaturali. Un nuovo studio dell'Università di Gottinga, pubblicato sulla rivista Perspectives in Plant Ecology, Evolution and Systematics, potrebbe aver trovato, finalmente, la soluzione del mistero.
 

Tralasciando le spiegazioni più fantasiose, le ipotesi scientifiche robuste proposte fino ad oggi erano sostanzialmente due. La prima era che a causare i cerchi fosse l'attività delle termiti, che si nutrirebbero delle radici dell'erba nella parte interna dei cerchi. La seconda chiamava invece in causa l'auto-organizzazione delle piante, che assumerebbero al conformazione circolare per massimizzare l'utilizzo e la disponibilità di acqua nell'arido suolo del deserto.


I ricercatori tedeschi hanno deciso di chiarire il mistero una volta per tutte, piazzando dei sensori per il monitoraggio dell'umidità del suolo in 10 diverse regioni del deserto del Namib, e monitorando per due anni le scarse e imprevedibili precipitazioni dell'area. In seguito alle piogge, infatti, si osserva un breve periodo in cui la vegetazione cresce anche nell'area interna dei circoli, e il loro obbiettivo era quello di scoprire cosa determinasse la morte delle piante interne, e la sopravvivenza di quelle poste lungo la circonferenza dei cerchi delle fate.

Green&Blue Open Summit, le piante e i loro diritti

Le loro osservazioni hanno determinato che tutte le nuove piante nate dopo una precipitazione si seccano e muoiono nell'arco di appena 20 giorni. Che questa vegetazione interna produce un esteso sistema radicale per tentare di trovare, inutilmente, dell'acqua quando il terreno torna a seccarsi. E soprattutto, hanno escluso la presenza di termiti che si cibassero delle radici interne. Queste caratteristiche, unite al fatto che l'umidità del suolo diminuisce rapidamente in corrispondenza con la crescita della vegetazione nella zona esterna dei circoli, porta i ricercatori a concludere che queste strutture nascono dall'esigenza di ottimizzare la disponibilità di acqua a disposizione delle piante.


I cerchi delle fate, insomma, sono l'unica conformazione che può prendere la vegetazione in queste aree, senza seccarsi quasi immediatamente sotto il sole del deserto.


"Formando questi paesaggi regolari composti da cerchi delle fate distanziati gli uni dagli altri, le piante si comportano come ingegneri dell'ecosistema, e beneficiano delle risorse idriche fornite dagli spazi privi di vegetazione", spiega Stephan Getzin, esperto di modellazione degli ecosistemi dell'Università di Gottinga e primo autore della ricerca. "In effetti, conosciamo altre strutture vegetali auto organizzate molto simili, presenti in altre aree aride del mondo, e in tutti questi casi le piante non hanno altra possibilità per sopravvivere, se non crescere esattamente in queste formazioni geometriche".