In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Il summit

Alla Cop27 la protesta silenziosa delle donne: "Non c'è giustizia climatica senza diritti umani"

Con la bocca tappata da un fazzoletto e vestite di bianco le attiviste (molte provenienti da Paesi in via di sviluppo) hanno protestato alla conferenza dell'Onu contro il regime di Al Sisi e chiedendo fondi per le aree del mondo che pagano di più per il riscaldamento globale
1 minuti di lettura

SHARM El SHEIKH - La bocca tappata da un fazzoletto bianco per rimarcare l'impossibilità di parlare imposta dal governo egiziano. Il pugno alzato, i vestiti bianchi e gli striscioni: "Non c'è giustizia climatica senza diritti umani". La prima protesta forte e corposa, autorizzata all'interno della Cop27 (che è spazio Onu a differenza dell'esterno gestito dal governo di Al-Sisi), è guidata dalle donne. Ci sono attiviste provenienti dall'Amazzonia, altre dal Sud Africa, Filippine e sud est asiatico, o dai paesi dell'Africa più colpiti dalla crisi climatica. Reggono cartelli e messaggi scritti in tutte le lingue, chiedono - in questa Cop definita "plastica e senza diritti" - che i dissidenti politici e gli attivisti ambientali ingiustamente imprigionati vengano liberati. Urlano slogan contro la dipendenza dalle fonti fossili, sfogano la rabbia contro un Paese - l'Egitto - dove il dissenso è stato vietato in partenza. Davanti a loro decine di giornalisti: quando invocano un minuto di silenzio per ricordare tutti i difensori dell'ambiente uccisi si sentono soltanto i click delle macchine fotografiche.


Le proteste, all'interno della Cop, dato che fuori è troppo pericoloso nella blindatissima Sharm El-Sheikh, stanno crescendo. Spesso sono i rappresentanti dei paesi più vulnerabili, colpiti da fenomeni meteo intensi o siccità e dove regna devastazione e fame, a lanciare il grido di aiuto. Viene chiesto ai potenti di agire subito e con "soldi e impegni inderogabili" per garantire finalmente uno strumento finanziario che garantisca fondi per il "loss and damage", le perdite e danni delle aree più impattate dagli eventi legati al surriscaldamento.

 

Viene chiesto di liberare e aiutare tutti coloro che sono stati ingiustamente arrestati nel tentativo di battersi per i diritti sociali e per l'ambiente. Nella protesta delle donne, prende la parola anche la giovane Alab Ayroso, filippina il cui padre è considerato un "desaparecidos", un attivista ambientale scomparso nel nulla vent'anni fa. Piange, ma poi trova la forza per urlare più forte: "Dobbiamo unirci e combattere contro questo sistema, dobbiamo lottare per un mondo che rimetta al centro la salute del Pianeta e le persone, non i soldi e i profitti".

 

Poi, in un elenco lunghissimo, le attiviste sudamericane leggono i nomi di tutte le donne e i difensori dell'ambiente uccisi ingiustamente, chiedendo giustizia per loro, così come per i prigionieri politici. Nelle prossime ore, nuove azioni dimostrative sono attese alla Cop27: fra le più curiose c'è quella organizzata da BTS ARMY e KPOP4PLANET, fans del K-pop coreano che daranno vita a una manifestazione per chiedere la protezione delle foreste. Altre iniziative potrebbero essere in programma poi in vista dell'arrivo del presidente Usa Joe Biden atteso l'11 novembre.