In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L'analisi

Gli effetti del G20 di Bali sul clima

Gli effetti del G20 di Bali sul clima
(agf)
La dichiarazione finale dei 20 leader riuniti in Indonesia fa ben sperare tra i tavoli dei negoziati di Sharm El-Sheikh. Dall'impegno rinnovato per il limite di 1,5° di aumento della temperatura al riconoscimento che la crisi energetica è dovuta all'uso dei combustibili fossili
2 minuti di lettura

SHARM EL-SHEIKH. La eco del G20 di Bali rimbalza fino a Sharm El-Sheikh e rimette in moto una trattativa sul clima che sembrava essersi arenata di fronte a una serie di veti incrociati, a tre giorni dalla chiusura della 27esima conferenza sul clima delle Nazioni Unite. La dichiarazione finale dei 20 Grandi riuniti in Indonesia ha colto di sorpresa persino i più ottimisti tra gli sherpa impegnati sui tavoli negoziali della Cop27. A cominciare dal riconoscimento che la crisi energetica dovuta ai combustibili fossili attanaglia il mondo.

Come conseguenza i leader del G20 hanno dato mandato ai loro ministri presenti a Sharm El-Sheikh di "aumentare urgentemente l'ambizione di mitigazione e adattamento", ma anche in materia di finanza climatica e loss and damage, perdite e danni. Il G20 ha poi ribadito la necessità di rimettere mano ai piani climatici per il 2030 per allinearli all'accordo di Parigi, visto che quelli attualmente adottati ci mettono sulla buona strada per 2,4°C entro il 2100, anziché gli 1,5 gradi stabiliti a Parigi.

Proprio questa mattina un gruppo di giovani attivisti aveva protestato all'interno della Cop27 per difendere l'obiettivo degli 1,5 gradi, che ormai sembrava essere relegato al libro dei sogni dalla maggior parte delle delegazioni. Da Bali invece arriva una indicazione precisa: i leader del G20 hanno riaffermato il loro impegno per il limite di 1,5°C, riconoscendo che gli impatti climatici saranno tanto inferiori quanto più l'aumento della temperatura media verrà mantenuto entro tale limite. Quindi "hanno deciso di proseguire gli sforzi per" riuscirci. E questo dovrebbe chiudere definitivamente il dibattito.

Da Bali de profundis, almeno a parole, anche per i combustibili fossili. I leader G20 riconoscono che l'insicurezza e la volatilità dei combustibili fossili, gas in primis, sta provocando un forte impatto su famiglie e imprese e che quindi la soluzione consiste nell'accelerare la transizione verso un'energia pulita e sicura. Dunque la strada è segnata: energie rinnovabili ed efficienza energetica.

Può festeggiare anche Mia Mottley, la premier delle Barbados che a Cop27, sostenuta dalla Francia, aveva proposto la cosiddetta Agenda Bridgetown per riformare la finanza climatica, in modo da evitare l'indebitamento dei Paesi vulnerabili: il G20 ha infatti chiesto alle banche multilaterali di sviluppo di fare un passo avanti, proprio sulla scia dell'iniziativa Bridgetown, affermando che la revisione indipendente del G20 sulle loro pratiche di prestito verrà aggiornata entro la primavera del 2023.

Insomma, da Bali, anche sul clima, arriva un incoraggiamento a chi crede nel multilateralismo, nel sedersi intorno a un tavolo, anche se si è in 198 (come nel caso di Cop27), per cercare una soluzione che metta d'accordo tutti. Diciannove dei Paesi del G20 hanno ribadito che questa non può essere un'era in cui i conflitti si risolvono con la guerra. E si rivolgevano chiaramente al 20esimo membro del club, la Russia di Putin.

Le prossime ore ci diranno se l'accordo dei leader in Indonesia produrrà risultati in corso al centro congressi di Sharm El-Sheikh.