In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Gli attivisti

Lo sciopero della fame della scienziata Melissa J. alla Cop27

Melissa J., ricercatrice presso l'Università tecnica di Monaco (Germania) e attvista di Scientist Rebellion
Melissa J., ricercatrice presso l'Università tecnica di Monaco (Germania) e attvista di Scientist Rebellion 
Melissa J., attivista di Scientist Rebellion, spiega perché porta avanti la sua protesta estrema a Sharm El-Sheikh: "Lo faccio anche per solidarizzare con i colleghi inascoltati"
2 minuti di lettura

"Mi sento assonnata, ma tutto sommato sto bene. Certo, qui si lavora e si cammina molto, ma per ora, a parte il sonno, lo sciopero della fame non mi sta dando problemi. Bevo moltissima acqua per riempire lo stomaco". Melissa J. è a Cop27 perché consulente della delegazione di un Paese latinoamericano. Ma è anche una attivista di Scientist Rebellion. E non tocca cibo da tre giorni. Inizialmente, per dare visibilità alla sua protesta, aveva pianificato di indossare un cartello con il conto alla rovescia dei giorni senza mangiare, ma la sua delegazione nazionale glielo ha impedito, convinta che fosse una attività non consentita dall'Onu, e ha minacciato di privarla del pass per la Cop. Per questo Melissa preferisce non svelare il suo cognome e la nazione di appartenenza.
 

Melissa J., perché ha iniziato lo sciopero della fame?
"In solidarietà con le persone che sono colpite dai cambiamenti climatici e che non possono essere qui per far sentire la loro voce. Ma lo faccio anche per solidarizzare con gli scienziati, che negli ultimi 30 anni hanno cercato di avvisare la politica e tutta la società sugli affetti che il cambiamento climatico avrebbe avuto sugli esseri viventi, umani compresi. Ma sono stati ignorati, soprattutto dai policy maker".
 

Anche lei è una ricercatrice?
"Sì, sto conseguendo un master in gestione sostenibile delle risorse, presso l'Università tecnica di Monaco, in Germania".
 

Sono sempre di più gli scienziati che decidono di protestare. Ce ne sono anche qui a Cop27?
"Ce ne sono molti, 'infiltrati' nelle diverse delegazioni. Stiamo facendo del nostro meglio per dire la verità e per fare in modo che le nazioni più responsabili della crisi climatica paghino per i danni che hanno causato".
 

Lei è riuscita ad ottenere qualcosa all'interno della sua delegazione?
"Quando sono arrivate le prime bozze del testo finale, ho suggerito di inserire la salute degli esseri umani come una priorità. Poi lo hanno chiesto anche altre delegazioni, ma nei documenti che circolano in queste ore non c'è ancora un riferimento concreto alla parola salute, come centrale per l'azione climatica".
 

Qual è l'obiettivo principale del suo sciopero della fame?
"Contribuire a esercitare quella pressione necessaria per portare le delegazioni qui a Sharm a conseguire un vero risultato, soprattutto sul fondo per il Loss and damage per le nazioni vulnerabili".
 

Aveva mai protestato in questo modo?
"No è la prima volta che faccio lo sciopero della fame. Anche se una volta da bambina decisi di farlo per salvare la vaquita marina (focena del Golfo di California, ndr) dall'estinzione. Il giorno dopo non seppi resistere alla fame...".
 

E stavolta quando riprenderà a mangiare?
"Alla fine di questa Cop27. Ma se ci sarà un documento finale convincente. Altrimenti continuerò fino a che il mio corpo mi permetterà di farlo".