In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Il caso

Roma come Londra: diventerà il laboratorio per la mobilità del futuro

Avrà la zona verde più grande d'Europa. Tutta controllata da telecamere: qui dentro non potranno circolare o sostare tutte le auto Euro 0, 1, 2 e 3. La mappa delle limitazioni
2 minuti di lettura

All'Open Summit organizzato da Green&Blue al MAXXI di Roma - una giornata di incontri per parlare di comunità energetiche, mobilità sostenibile e startup green - è andata in scena la rivoluzione della mobilità del comune più grande d'Europa, quello che ha la fascia verde più estesa e quello che si appresta a sorpassare Londra nella politica di blocco e gestione del traffico: Roma.

Sullo sfondo della mostra sui reportage dei fotografi di Contrasto e i reading degli scrittori che raccontano come sta cambiando il mondo, Eugenio Patané, assessore alla mobilita di Roma Capitale, nel Panel con Massimo Nordio, presidente di Motus E e Alessandra Dragotto, direttrice di ricerca di Swg, ha svelato infatti la strategia di fondo per la gestione della mobilità.
 

LO SPECIALE
 

Una strategia rivoluzionaria, che punta su un controllo totale della fascia verde, secondo uno schema molto dettagliato che pubblichiamo qui sotto. "Totale" si riferisce al fatto che entro il primo trimestre del prossimo anno, in preparazione al novembre del 2023 (quando entreranno in funzione le nuove limitazioni), tutti i varchi saranno controllati da telecamere: in pratica non si sfuggirà più. E le vecchie auto non potranno più essere usate in nessun modo. Neanche se si rimane dentro la zona verde senza mai passare per un varco perché la polizia municipale con le telecamere montate sulle auto e altre postazioni fisse controllerà il circolante e le auto in sosta.

G&B Open Summit 2022 - Auto elettrica, quando?

Ma non è tutto: "In prospettiva - ci ha spiegato Patané - puntiamo a renderde a pagamento tutte le strisce blu. E al più presto anche per le ibride, esentando solo le elettriche. E siamo già al lavoro per lanciare un incentivo 'puro', ossia che proponga forti sconti sul car sharing e tessere gratuite per mezzi pubblici a chi rottama senza comprare nessun'auto un veicolo Euro 0, 1 e 2 se benzina o fino a Euro 3 se diesel".

Detto questo, lo schema che vi proponiamo qui sotto assume una valenza nuova: non è un manifesto di intenzioni con divieti che nessuno controlla, ma un'effettiva manovra di blocco alla circolazione, sotto l'occhio vigile delle telecamere. E, vista la portata dell'innovazione, è molto probabile che questa politica romana sia poi ripresa da altri comuni. Facilitati dal fatto di non avere una fascia verde così estesa.
 

La nuova mobilità di Roma Capitale

Dal lunedì al sabato (h24), attualmente, con esclusione dei giorni festivi infrasettimanali, non possono accedere, circolare e sostare nella Fascia Verde (Delibera 371/2022):

Autoveicoli (inclusi i veicoli dei residenti)

  • autoveicoli (benzina e diesel) Pre-Euro 1Euro 1 ed Euro 2 - Euro 3 (solo diesel) 

Ciclomotori e Motoveicoli

benzina Pre-Euro 1 e Euro 1
diesel pre-Euro 1, Euro 1 e Euro 2

Inoltre a partire dal 1° novembre 2024
autoveicoli alimentati a benzina Euro 3

Provvedimenti programmati (validi dal 1 novembre al 31 marzo di ogni anno)

A partire dal 1 novembre 2023 per:
autovetture alimentate a diesel Euro 4 nella fascia oraria 7.30-20.30
veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a diesel Euro 4 nella fascia oraria 7.30-10.30/16.30-20.30
ciclomotori e motoveicoli alimentati a diesel Euro 3

Dal 1 novembre 2024 per:
autovetture alimentate a diesel Euro 5 - nella fascia oraria 7.30-20.30
veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a diesel Euro 5 - nella fascia oraria 7.30-10.30/16.30-20.30

Deroghe

  • veicoli muniti del contrassegno per persone con disabilità
  • veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale, compreso il soccorso stradale;
  • veicoli adibiti al trasporto pubblico di lineaveicoli adibiti alla gestione dei rifiuti urbani effettuata per conto e/o direttamente da Roma Capitale, alla tutela igienico ambientale, alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli interventi di urgente ripristino del decoro urbano nonché al pronto intervento manutentivo svolto per conto o direttamente di Roma Capitale
  • veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.veicoli d'epoca di cui all'art. 60 del Dlgs n. 285/1992 e ss.mm.ii. solo in occasione di eventi autorizzati dagli organi competenti.