In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Il fisco verde

Il sismabonus per migliorare l'efficientamento energetico della casa

Il sismabonus per migliorare l'efficientamento energetico della casa
Si può riqualificare l'intero edificio e migliorare la vivibilità dal punto di vista del consumo di energia con una detrazione dell'80% fino ad un massimo di spesa di 96mila euro
2 minuti di lettura

Superbonus per le villette "ristretto" al 90% dal 2023 e ammesso solo per chi rispetta i nuovi limiti di reddito familiare di riferimento fissati a 15.000 euro. Chi possiede una casa singola e non rientra nei limiti di reddito è dunque fuori dal Superbonus. Ma per chi ha intenzione di investire sul risparmio energetico c'è sempre la possibilità di utilizzare il sismabonus che consente di riqualificare l'intero edificio, e intervenire anche per migliorare la vivibilità dal punto di vista energetico intervenendo sulle strutture portanti dell'edificio. Un'agevolazione di tutto rispetto dato che consente di ottenere una detrazione dell'80% da utilizzare in cinque anni, con un tetto massimo di spesa di 96.000 euro di qui alla fine del 2024.

Consolidamento certificato

Tecnicamente il sismabonus è una detrazione riconosciuta per i miglioramento della stabilità degli edifici. L'agevolazione nata nel 2017 e all'epoca riconosciuta per le sole zone ad elevato rischio sismico, dal 2019 è stata estesa a quasi tutta Italia, con l'unica esclusione delle zone senza rischio, ossia quelle classificate con valore 4. Per le zone a rischio 1, 2, e 3, invece, l'agevolazione è sempre riconosciuta, non solo per gli interventi di consolidamento "pesanti" ma anche per tutti gli interventi di riparazione locale che influiscono sulla stabilità di un edificio. L'importante, ai fini del bonus, è che la riduzione del rischio sia certificata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale.

Sismabonus anche per gli interventi leggeri

Con una serie di chiarimenti l'Agenzia delle entrate negli ultimi due anni ha infatti precisato che  a fronte di un progetto che dimostri un miglioramento della situazione statica della costruzione, l'agevolazione è ammessa per tutte le opere per la messa in sicurezza realizzate sulle parti strutturali degli edifici. In sostanza sono agevolati fiscalmente tutti gli interventi di rinforzo locale e di eliminazione delle cause che possono influire sulla stabilità del palazzo. Tra gli interventi di consolidamento leggero rientrano  ad esempio, tutti quelli che riguardano il rinforzo dei solai in legno, compresi quelli con i travi a vista, ma anche l'intervento di miglioramento della coibentazione delle mura portanti in tutti i casi in cui si registrano risalite di umidità dal terreno.

Tutte le spese che possono rientrare nell'agevolazione

E quando si decide di risolvere queste problematiche ricorrendo al sismabonus vale il principio consolidato secondo cui l'intervento di categoria superiore assorbe quelli di categoria inferiore ad esso collegati o correlati. Quindi la stessa aliquota di detrazione prevista per gli interventi antisismici viene automaticamente  applicata anche a tutte le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria necessarie al completamento a regola d'arte dell'intervento in questione. Così nello specifico se si interviene sulle travi del tetto anche la coibentazione del sottotetto è a tutti gli effetti correlata all'intervento principale, così come l'intervento sull'intonaco esterno, quando si interviene per mettere in sicurezza le mura, anche con l'aggiunta di pannelli isolanti. Per altri eventuali interventi che non riguardano le strutture, come ad esempio la sostituzione dell'impianto di riscaldamento, si potrà poi usufruire dell'ecobonus al 65%.

Con il consolidamento arriva anche bonus mobili

Infine non va dimenticato che se si richiede il sismabonus è possibile anche usufruire del bonus mobili. Gli interventi di consolidamento, infatti, come visto rientrano nella categoria degli interventi di ristrutturazione e quindi danno diritto anche ad ottenere questa agevolazione aggiuntiva.