In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Moda green

Michela Chereches, la sarta delle materie prime naturali

Michela Chereches
Michela Chereches 
Per le sue produzioni uitlizza seta, canapa, lino ma anche ortica. "Pensiamo al bio soprattutto per i prodotti alimentari ma dovrebbe aumentare l'attenzione alla sostenibilità anche e soprattutto nel nostro settore, ancora troppo impattante per l'ambiente"
2 minuti di lettura

La passione per ago e filo unita alle materie prime 100% biologiche attraversa ben tre generazioni fino ad arrivare a Michela Chereches. È una ragazza rumena di trentadue anni che crea e realizza capi d'abbigliamento con tessuti di altissima qualità prodotti in Italia come canapa, seta, cotone biologico, cashmere, bamboo, lino, ortica e altre fibre naturali. Quattro mesi fa ha deciso di creare un suo progetto dal nome SartorElla in cui vende online le sue creazioni.

"Quando sento il profumo della canapa - spiega Michela Chereches - mi sento a casa. Da piccolina ricordo mia nonna e poi mia mamma che lavoravano questo materiale per produrre indumenti. Amo quel profumo perché sa di natura. Quando arrivano nel mio laboratorio mi sento inebriata da quella fragranza. Fin da piccola creavo vestiti per le mie bambole usando gli scarti degli abiti realizzati dalla mia famiglia".

Dopo il diploma in Romania, Michela si trasferisce a Milano e lavora come sarta modellista. Vive lì per dieci anni ma sente la mancanza della natura. Dopo una breve vacanza con il marito ad Aosta decidono nel giro di pochi mesi di trasferirsi e da cinque anni vivono lì. "Ho un mio laboratorio - continua Michela - e lavoro solo materiali a basso impatto ambientale. Realizzo capi termoisolanti che non provocano irritazioni, non trattengono l'umidità, non emanano cattivo odore e si asciugano velocemente. E poi durano nel tempo se vengono lavati con detergenti naturali".

Sono proprio le materie prime naturali ad ispirare le creazioni di Michela. "Toccando i tessuti - aggiunge Michela - mi immagino come diventeranno. Il bamboo è morbido e delicato. La canapa è adatta ai capi di uso quotidiano e sarà ancora più resistente se viene unita alla lana e al cashmere. L'ortica è indicata ad abiti casual da giorno. Con il cotone bio realizzo invece abiti eleganti, a volte unendolo al cashmere. Collaboro con l'azienda milanese Maeko che mi fornisce le materie prime".

Una creazione di Michela Chereches
Una creazione di Michela Chereches 

Ad oggi Michela ha creato ventisei capi d'abbigliamento e sono tutti online. Ogni prodotto è descritto accuratamente: ci sono la composizione, in quale periodo andrà indossato e i consigli per il lavaggio. "Prima li faccio, poi - conclude Michela - li provo e cerco di migliorarli, ad esempio vedendo se serve qualche modifica. Mio marito mi aiuta con le foto da mettere sul sito. Per le misure preferisco l'oversize così non faccio scorte inutili. Sono contro ogni spreco. Vado anche su prenotazione e produco l'abito al massimo in due giorni. Adesso sono tutti per il consumismo del "prendi tre e paghi due" e fin dall'inizio non è stato semplice creare questo progetto. Pensiamo al bio soprattutto per i prodotti alimentari ma dovrebbe aumentare l'attenzione alla sostenibilità anche e soprattutto nel nostro settore, ancora troppo impattante per l'ambiente".

Tra i progetti futuri di Michela c'è quello di aprire un negozio ad Aosta e realizzare nuove creazioni. "Sono contenta - conclude Michela - di ciò che sto realizzando perché non è facile partire da zero come ho fatto. In futuro voglio sicuramente continuare a vivere e a lavorare immersa nella natura e nel rispetto di essa. Per il resto lascio che il tempo mi indichi la strada che devo percorrere".