In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Energia

L'Associazione italiana nucleare: "L'unico modo per decarbonizzare è un mix di rinnovabili ed energia atomica"

La centrale nucleare francese di Petit-Caux (Lou Benoist/Afp via Getty Images)
La centrale nucleare francese di Petit-Caux (Lou Benoist/Afp via Getty Images) 
Al convegno dell'Ain assenti Pichetto Fratin e Urso. Il presidente Minopoli: "L'Europa ha bisogno di energia continuativa e gli accumuli non basteranno"
2 minuti di lettura

La comunità italiana del nucleare si rivolge alla politica e le chiede tre provvedimenti, per poter dare un contributo alla soluzione delle crisi climatica ed energetica: una pianificazione energetica nazionale che preveda, nel mix di fonti a cui potrà attingere l'Italia, anche la fissione nucleare; una legge che sostenga e incentivi le imprese italiane che vogliono da subito partecipare alla realizzazione di nuove centrali atomiche all'estero; dotare finalmente il Paese di un deposito nazionale per le scorie nucleari.


Ma i fan dell'energia atomica si rivolgono anche all'opinione pubblica: sanno che c'è bisogno di una nuova narrativa che "riabiliti" agli occhi degli italiani una tecnologia considerata pericolosa. E allora ecco che si insiste nel sottolineare la sicurezza delle centrali nucleari, quelle esistenti e ancor più quelle future, nel rimarcare la convenienza economica dell'elettricità da fissione, nel ribadire che l'atomo sarà solo un tassello del mix energetico futuro, insieme alle rinnovabili.

A rivolgersi alla politica, nonostante le defezioni dei ministri Pichetto Fratin e Urso, - che pure erano ospiti di eccezione del convegno -  è stato Umberto Minopoli, presidente dell'Associazione italiana nucleare (Ain) nel corso dell'assemblea annuale dell'associazione. "L'anno scorso qualcuno si rivolse a noi dicendo che era uno scandalo continuare di nucleare", ricorda Minopoli. "Questa volta, con la crisi energetica che stiamo vivendo dopo l'invasione russa dell'Ucraina, l'atmosfera è completamente diversa". Insomma, complice lo scenario geopolitco, il ritorno al nucleare non sarebbe più un tabù.


Anzi, secondo il presidente dell'Ain, che a Roma ha raccolto ricercatori, politici e imprenditori, il rientro dell'Italia nel nucleare andrebbe avviato oggi. E non solo per fronteggiare i picchi di costo del gas naturale. "Se dobbiamo decarbonizzare l'economia", sostiene Minopoli, "vanno eliminate le fonti carboniche di energia e l'unico modo per riuscirci è un mix di rinnovabili e di energia nucleare". I calcoli li ha fatti Giuseppe Zollino, professore di Tecnica ed economia dell'energia e impianti nucleari presso l'Università di Padova.

"Abbiamo calcolato il miglior mix possibile per minimizzare il prezzo dell'energia e contemporaneamente arrivare a emissioni zero entro il 2050. È emerso che l'Italia dovrebbe installare 250 gigawatt di rinnovabili, 160 gigawatt di accumulo (tra batterie e idrogeno) accanto a 36 gigawatt di energia nucleare". Secondo Zollino, numeri alla mano, il nucleare è anche l'energia più sostenibile: "Una centrale con tre o quattro reattori occuperebbe 200 ettari. Per produrre la stessa energia con le rinnovabili di ultima generazione ci vorrebbero 45 mila ettari di pannelli o 230mila ettari su cui distribuire pale eoliche".


Tra le ragioni elencate da Ain per rivendicare un immediato ritorno al nucleare, c'è l'intermittenza delle fonti rinnovabili: "L'Europa ha bisogno di energia continuativa e gli accumuli non basteranno", spiega Minopoli. Inoltre, la transizione energetica spinge verso una completa elettrificazione dei dispositivi e quindi per i prossimi anni si prevede una crescita dei consumi elettrici. Un fabbisogno che, secondo i nuclearisti, solare ed eolico non riusciranno a soddisfare neppure se ci fosse una colossale accelerazione nella loro messa a Terra. "Se anche facessimo tutte le rinnovabili immaginabili ci ritroveremo di fronte a un paradosso", dice Zollino. "Non riusciremmo comunque a soddisfare i picchi di consumo dei mesi invernali, mentre d'estate dovremmo buttare una quota importante dell'energia prodotta dal fotovoltaico. Alla fine quella elettricità non avrebbe alcun valore di mercato e alle aziende non converrebbe più investirci".


Ed ecco allora l'appello, in tre punti, al Parlamento perché in modo bipartisan favorisca il ritorno del nucleare in Italia. "Il Pniec (Piano nazionale integrato energia e clima) indica solo gli obiettivi di decarbonizzazione ma non le fonti con cui raggiungerli. Per questo chiediamo che una Pianificazione energetica nazionale che includa il nucleare nel mix energetico", auspica Minopoli. "A chi obietta che la realizzazione delle centrali nucleari richiede decenni ricordo che per decarbonizzare abbiamo tempo fino al 2050".

Ma poi c'è l'immediato: la bolletta energetica sempre più cara. "Le aziende italiane dovrebbero poter partecipare alla realizzazione di centrali nucleari all'estero, vicino ai nostri confini. Sia per non restare fuori da questo settore strategico, sia per fare in modo che l'energia costi meno per imprese e famiglie italiane".

Infine il dilemma del deposito nazionale, la cui collocazione viene rimandata da decenni: "È ora di smetterla con l'ipocrisia, occorre decidere e procedere la sua realizzazione. Chiediamo alla politica", conclude Minopoli, "di rimettersi al passo con l'industria e la ricerca italiana".