In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Il premio

I sei vincitori del Goldman Environmental Prize 2023

Alessandra Korap Munduruku (Brasile), una delle sei persone insignite del Goldman Environmental Prize 2023
Alessandra Korap Munduruku (Brasile), una delle sei persone insignite del Goldman Environmental Prize 2023 (reuters)
Dalla Turchia alla Finlandia, dal Brasile allo Zambia, le storie dei vincitori appena premiati con il prestigioso riconoscimento dedicato a "persone che fanno cose straordinarie per salvare la nostra Terra"
3 minuti di lettura

Quando il ricercatore e conservazionista Zafer Kizilkaya nel 2007 decise di tornare nella sua Turchia dopo anni di studi all'estero, rimase scioccato dall'aridità e la scarsa biodiversità della "costa turchese", meravigliosa area di mare del Mediterraneo compromessa da più problemi. Le reti a strascico, la sovrapesca, l'impatto antropico e la crisi del clima avevano reso "deserti" i fondali. I pescatori si lamentavano per il poco pesce a Gökova Bay e l'intero ecosistema era ormai vicino al collasso.

Zafer Kizilkaya (Photo: Goldman Environmental Prize)
Zafer Kizilkaya (Photo: Goldman Environmental Prize) 

Kizilkaya tentò così più strade: coinvolgere i pescatori nella protezione ambientale, fare pressione sul governo turco per realizzare aree marine protette e, con un po' di visione e creatività, invitò persino cuochi esperti a cucinare pericolose specie aliene - come i pesci scorpione - pur di arginare in modo utile l'invasione.
 
Alla fine, grazie al suo lavoro, il numero di pesci per metro quadrato è aumentato di dieci volte dall'introduzione delle zone di divieto di prelievo nel 2012 e i redditi dei pescatori locali sono aumentati del 400%. Oggi il ricercatore turco insiste nel proteggere ancora più mare: vuole ampliare la rete di aree marine protette (AMP), bloccare le pericolose reti a strascico e in alcune aree impedire del tutto la pesca per dare una vera chance di ripresa alla biodiversità turca.

Impegni come il suo, valgono il Goldman Environmental Prize 2023. A lui e altri cinque "combattenti per l'ambiente" di tutto il mondo, sono stati infatti assegnati i sei riconoscimenti che come sostiene Richard Goldman, filantropo e fondatore del Prize, premiano "persone di origini ordinarie che fanno cose straordinarie per salvare la nostra Terra". Spesso, ad essere riconosciuto, è l'indomabile impegno, il coraggio necessario per proteggere la natura a tutti i costi.
Chilekwa Mumba (Photo: Goldman Environmental Prize)
Chilekwa Mumba (Photo: Goldman Environmental Prize) 

Chilekwa Mumba, per esempio, da anni portava  avanti una battaglia in Zambia contro l'operazione altamente inquinante della Konkola Copper Mines, minatori che operano nella provincia di Copperbelt. Qui i danni dell'estrazione mineraria stavano diventando evidenti sia per i suoli che per la salute delle persone. Per molti era chiaro che, dietro alle attività della ditta locale, ci fosse il comando della società madre, la britannica Vedanta Resources, ma nessuno osava denunciarlo tranne Mumba. L'attivista ha intentato una causa per ritenere responsabile la Vedanta Resources e ha vinto davanti alla Corte Suprema del Regno Unito.

In questo modo ha stabilito un importante precedente legale: è stata la prima volta che un'azienda britannica è stata ritenuta responsabile per i danni ambientali causati dalle operazioni gestite da una filiale in un altro paese. Grazie alla battaglia di Mumba questo "precedente" è diventato la chiave anche per poter rivolgere accuse alla Shell Global per l'inquinamento in Nigeria.
.
Diane Wilson (Photo: Goldman Environmental Prize)
Diane Wilson (Photo: Goldman Environmental Prize) 

Anche Diane Wilson, 74 anni, si è battuta contro una grande aziende vincendo una delle cause civili più importanti in termini ambientali. Pescatrice, Wilson ha dedicato parte della sua vita a raccogliere informazioni contro la multinazionale Formosa Plastics, una delle principali società petrolchimiche al mondo, accusata di aver scaricato grandi quantità di rifiuti di plastica tossici sulla costa del Golfo del Texas.

"Questa società ha distrutto le nostre comunità di pescatori e l'ecosistema. Sento un profondo legame con l'acqua e dopo 34 anni di lotta e tenacia abbiamo vinto, ed è stato incredibile"  ha detto Wilson dopo aver vinto la sua battaglia legale e ottenuto un accordo di 50 milioni di dollari, il più grande premio in una causa guidata da un cittadino contro un inquinatore industriale nella storia del Clean Water Act degli Stati Uniti.  Grazie all'impegno di Wilson, Formosa Plastics ha inoltre accettato di raggiungere lo "scarico zero" dei rifiuti e pagare sanzioni fino alla cessazione degli scarichi, così come finanziare la bonifica delle zone umide e dei vicini corsi d'acqua in Texas.
Alessandra Korap Munduruku (Reuters)
Alessandra Korap Munduruku (Reuters) (reuters)

Più a sud, nelle foreste pluviali dell'Amazzonia, anche l'attivista Alessandra Korap Munduruku si è dovuta scontrare contro una multinazionale e i danni che stava provocando in uno degli scrigni di biodiversità più importanti del Pianeta.
 
In Brasile Munduruku ha infatti guidato le comunità di diversi territori amazzonici nella battaglia per fermare lo sviluppo minerario della società britannica Anglo American che opera nella foresta pluviale. Grazie all'impegno di Munduruku, due anni fa la società ha deciso di ritirare 27 domande di esplorazione e ricerca che erano state approvate per estrarre all'interno dei territori indigeni. Fra questi, grazie alla sua tenacia,  la vincitrice del Goldman Envoirenmental Prize è riuscita a far includere anche il territorio di Sawré Muybu, fra i più estesi della zona e ricco di risorse minerarie.
Delima Silalahi (Photo: Edward Tigor/Goldman Environmental Prize)
Delima Silalahi (Photo: Edward Tigor/

In un altro contesto, ma con scopi simili, si è mossa anche Delima Silalahi, ambientalista impegnata in Indonesia. Qui si è battuta per garantire che la gestione legale di 17.824 acri di foresta tropicale fosse affidata a sei comunità indigene nel nord di Sumatra. Solo loro potevano preservare al meglio e "curare" la terra dopo i danni inflitti da una ditta che opera nel settore della carta e che convertendo diverse aree in piantagioni industriali di eucalipto, realizzando così una monocultura non autoctona, aveva messo in ginocchio la biodiversità di buona parte del territorio.

Dopo la battaglia di Delima le sei comunità indigene hanno ottenuto la gestione del territorio e dato il via a bonifiche e lavori per ripristinare le foreste e preservare i preziosi serbatoi di carbonio tipici di queste aree tropicali indonesiane.
Chilekwa Mumba (Photo: Goldman Environmental Prize)
Chilekwa Mumba (Photo: Goldman Environmental Prize) 

Infine a vincere il Goldman, nella Finlandia ricca di foreste e torbiere, è stato anche l'attivista Tero Mustonen che dopo anni di lotta ha ottenuto dal 2018 la possibilità di guidare il ripristino di  62 ex siti minerari e forestali prima a carattere industriale, dove suoli e biodiversità erano in forte difficoltà. Oggi grazie all'impegno di Mustonen questi luoghi dimenticati si stanno trasformando sempre più in zone umide e habitat in grado di ospitare flora e fauna finlandese. Inoltre, grazie alla materia organica presente nelle torbiere, la sfida di Mustonen si è trasformata anche in una preziosa "mano" per tutta Europa dato che proprio quei loghi sono tra i pozzi di assorbimento di carbonio più efficaci e utili nella lotta al surriscaldamento globale.