In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L'analisi

I cambiamenti climatici hanno reso la siccità agricola almeno 20 volte più probabile

I cambiamenti climatici hanno reso la siccità agricola almeno 20 volte più probabile
(afp)
Uno studio dell’Eth di Zurigo evidenzia come l’aumento delle temperature nell’emisfero boreale abbia prosciugato il suolo e reso quindi più intense e probabili le ondate di siccità
1 minuti di lettura

Il clima cambia globalmente, le temperature aumentano ovunque. Con conseguenze anche a livello locale, in diverse parti del mondo. Che vanno però studiate, quantificate e dimostrate: è quanto ha appena fatto un team internazionale di scienziati dello Eth di Zurigo e di altri istituti di ricerca, che si è chiesto se e quanto i cambiamenti climatici e l'aumento delle temperature - l'estate boreale del 2022 è stata una delle più calde mai registrate, con oltre 24mila ondate di calore anomalo - abbiano influenzato la siccità che ha colpito l'emisfero nord del mondo. Le risposte, appena pubblicate, sono sì e tanto: il cambiamento climatico causato dall'attività antropica, hanno scritto gli esperti, ha reso la siccità del suolo almeno 20 volte più probabile, minacciando la produzione agricola e aggiungendo ulteriore pressione ai prezzi dei generi alimentari e alla sicurezza alimentare.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato l'umidità del suolo a intervalli periodici (giugno, luglio e agosto 2022) in diverse località dell'emisfero boreale, escludendo le zone tropicali e concentrandosi in particolare sull'Europa occidentale e centrale, che hanno sofferto di ondate di siccità particolarmente pesanti che hanno ridotto significativamente l'entità dei raccolti. Per definizione si parla di "siccità agricola" o "ecologica" quando i livelli di umidità del suolo sono particolarmente bassi nel primo metro di profondità, perché è da lì che le piante, tramite le radici, estraggono l'acqua necessaria al loro sostentamento.

 

Incrociando i dati di questo monitoraggio con quelli delle temperature e delle emissioni, gli autori del lavoro hanno dedotto che i cambiamenti climatici hanno reso la siccità agricola almeno venti volte più probabile, e calcolato che condizioni di siccità simili a quelle del 2022 torneranno a verificarsi, in media, una volta ogni vent'anni (se il sistema climatico resta così com'è); se il genere umano non avesse alterato il clima così pesantemente, queste condizioni si sarebbero verificate più o meno una volta ogni 400 anni.

"L'estate del 2022", ha spiegato Sonia Seneviratne, docente di Land-Climate Dynamics allo Eth, "ha mostrato come il cambiamento climatico indotto dagli esseri umani abbia aumentato il rischio di siccità agricola e biologica nelle regioni densamente popolate e coltivate dell'emisfero boreale. È per questo, ribadiamo ancora, che bisogna eliminare gradualmente lo sfruttamento dei combustibili fossili se vogliamo stabilizzare le condizioni climatiche ed evitare un ulteriore peggioramento delle ondate di siccità".