In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L'azienda

La batteria allo zolfo che risolve il problema dell'accumumulo di energia da fonti rinnovabili

I fondatori di Sinergy Flow
I fondatori di Sinergy Flow 
Il Premio nazionale dell'innovazione nel 2021 è stato vinto da Sinergy Flow, una startup fondata da tre giovani: Alessandra Accogli, Gabriele Panzeri, Mattia Salerno
2 minuti di lettura

È mattina presto quando incontro Alessandra e i suoi due soci: è in partenza per Roma, per un progetto sulla sensibilizzazione delle donne nelle materie Stem. Difficile trovare una testimonial più adatta: 31enne salentina, Alessandra Accogli è arrivata a Milano per laurearsi al Politecnico in ingegneria dei materiali e nanotecnologie, ha effettuato il dottorato di ricerca tra Milano e il Mit, da cui è tornata, causa pandemia, per fondare Sinergy Flow insieme a Gabriele Panzeri, pari età nato sulle sponde dell'Adda (cto), e al milanese Matteo Salerno (coo). L'azienda, di cui Alessandra è ceo, si chiama come il loro prodotto e ha vinto nel 2021 il Premio nazionale innovazione dell'Associazione italiana degli incubatori universitari e delle Business Plan Competition - PNICube, "ma anche, nel 2020, lo "Switch2Product" del Politecnico, che ci ha permesso di passare dalla R&D del Politecnico", precisa la ceo.

In questi laboratori è nata Sinergy Flow, "una batteria a celle di flusso composta da due parti. La prima, detta 'stack' è l'hardware, la batteria vera e propria. Due serbatoi esterni pompano una soluzione elettrochimicamente attiva [loro la chiamano "la chimica" nda]  nell'hardware. Quindi dimensionando l'hardware possiamo definire la potenza, mentre dimensionando i serbatoi definiamo l'energia che può essere accumulata", spiega Gabriele. Mentre infatti nelle batterie al litio dei nostri smartphone il rapporto potenza/energia è fisso, la tecnologia a celle di flusso è modulare, scalabile. "Adatta ad applicazioni in cui è necessario uno stoccaggio nell'ordine delle decine o centinaia di megawattora, a supporto dei grandi parchi eolici e solari", continua il giovane cto.

In sostanza, Sinergy Flow si candida a rompere, finalmente, il collo di bottiglia delle rinnovabili: la produzione intermittente e la difficoltà di stoccare l'energia quando c'è per immetterla in rete quando serve. C'è un problema, però: al momento le batterie al litio possono essere usate per due, massimo quattro ore e quelle a celle di flusso hanno un limite di 10 ore. Mentre per avere una rete in grado di funzionare H24, 7 giorni su 7 serve una capacità di almeno 20 ore. Ed è qui che arriva Sinergy Flow: "Possiamo aumentare facilmente la capacità di accumulare e restituire energia, semplicemente usando più stack e aumentando il volume dei serbatoi. E stiamo lavorando nell'intervallo tra 20 e 50 ore", spiega Gabriele. "È un cambio di paradigma - interviene Alessandra - superare questa barriera, dovuta a fattori economici e tecnici, permetterebbe di raggiungere gli obiettivi di abbattimento di CO2 che ci siamo posti per il 2030 e il 2050".

Il segreto di Sinergy Flow è "la chimica", scoperta da Alessandra. "Fin da subito la mia idea è stata produrre una batteria che usasse materiali abbondanti e sostenibili. Alla fine mi sono imbattuta nello zolfo: è disponibile ovunque a basso costo, come sottoprodotto di varie lavorazioni industriali, a partire dalla raffinazione di petrolio e gas". "Sinergy Flow costa tra i 30 e i 150 $/kWh: il costo diminuisce quanto più aumenta la durata di accumulo, perché quello che cresce sono i serbatoi, cioè lo zolfo che fa da elettrolita, non l'hardware, più caro". Le batterie concorrenti, al vanadio, costano 500-600 $/kWh. Il vanadio è raro, quindi caro, e geolocalizzato, soprattutto in Cina. "Invece lo zolfo - spiega Alessandra - è "democratico": è ovunque ed è economico, un bel vantaggio per accorciare la supply chain quando inizierà, si spera, la produzione in volumi. E poi aiuta a combattere gli oligopoli geopolitici e favorisce l'indipendenza energetica delle comunità. Vediamo oggi quanto siamo dipendenti dalla Russia...".
Ma allora perché non c'è la coda di investitori alla porta delle vostra sede? "Forse perché fino all'11 aprile    - sorride Alessandra - non avevamo una sede legale. In realtà stiamo parlando con diversi fondi di investimento, ma prima di aprire la  campagna, vogliamo definire alcuni dettagli sulla licenza del brevetto e la proprietà intellettuale. Ci siamo quasi: il round di finanziamento dovrebbe chiudersi entro l'estate. Vogliamo creare un modulo progettato e prodotto interamente da noi, con materiali a basso costo e riciclabili, una visione di economia circolare a cui teniamo molto; questo richiede capitali nell'ordine di 1,5 milioni di euro".

Prima di partire, Alessandra torna sulla questione donne e Stem. "Sono ancora troppo poche le donne nel deep tech e mentre studiavo di problemi ne ho avuti. Invece l'ambiente con cui ci stiamo interfacciando ora è molto meritocratico, la competenza non ha sesso. Certo, mi aiuta il fatto di essere imprenditrice, fossi in un ambito più gerarchico non so se tutto filerebbe così liscio. C'è ancora tanto da fare".