In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Economia circolare

Coca-Cola: "Governo ed Europa sostengano di più le aziende"

La multinazionale chiede più aiuti per la transizione ecologica. Biella (Coca-Cola Hbc): "Abbiamo aperto uno stabilimento di Pet riciclato senza nessun finanziamento pubblico"
2 minuti di lettura

La transizione verso un'economia più circolare è una sfida complessa per le multinazionali e per le piccole e medie imprese. Chi può intervenire e sostenere in modo più incisivo questo passaggio sono il Governo e l'Europa. È questo uno dei messaggi lanciati durante il Real Talk organizzato da Coca-Cola dopo l'inaugurazione a Gaglianico di un nuovo stabilimento per lavorare la plastica riciclata da utilizzare nelle bottiglie del brand. Una fabbrica di Coca-Cola Hbc, principale imbottigliatore e distributore di prodotti a marchio The Coca-Cola Company.
 

L'incontro dal titolo 'Messaggio nella bottiglia: come cogliere la sfida dell'economia circolare" è stato moderato dal vicedirettore di HuffPost Italia Alessandro De Angelis. Che, tra le tante domande, ha chiesto a Marco Beggiora, Responsabile della Sostenibilità a livello europeo per l'azienda Coca-Cola Company di parlare del suo programma, lanciato nel 2018, "Un mondo senza rifiuti", che pone obiettivi molto ambiziosi da qui al 2030 per cercare di garantire la circolarità dei propri imballaggi. "Entro allora - racconta Beggiora - puntiamo a produrre ovunque nel mondo confezioni del tutto riciclabili e riciclate". Obiettivi che in Italia già sono stati raggiunti o si raggiungeranno a breve, anche grazie allo stabilimento di Gaglianico. E a partire dal 2023, tutte le confezioni distribuite lungo lo Stivale saranno in r-Pet, ovvero plastica riciclata. È stato inoltre eliminato il colorante arancione dalle bottiglie di Fanta Original e quello verde dalle bottiglie di Sprite, per renderle più facilmente riciclabili".

Messaggio nella bottiglia: come cogliere la sfida dell'economia circolare

Ma il percorso verso la circolarità richiede importanti investimenti e in Italia arrivarvi sarà frutto di uno sforzo comune. Lo ha ricordato proprio Manuel Biella, Direttore della Supply Chain per Coca-Cola Hbc Italia. "Abbiamo investito più di 30 milioni di euro per lo stabilimento di Gaglianico, il maggior investimento nella storia del nostro gruppo. Utilizzando tecnologie innovative da un punto di vista produttivo e di efficienza energetica". Aggiungendo che se il governo vuole spingere l'acceleratore sull'economia circolare è necessario che venga creata una maggiore sinergia con le aziende. "Noi, per esempio, - racconta - abbiamo potuto fare tutto con le nostre risorse, senza beneficiare di soldi pubblici, nonostante i passi avanti che stiamo già facendo in anticipo rispetto ai target imposti dalla legge". Poi c'è l'Unione europea che secondo Marco Bergaglio, presidente di Unionplast, l'associazione che rappresenta le aziende che trasformano la plastica, non sempre imbocca la direzione giusta per puntare verso la circolarità. "Invece di richiedere il supporto dell'industria nel fissare degli standard trasversali in tutta Europa, - racconta Bergaglio - l'Ue sta iniziando a dire che vuole essere lei a decidere le specifiche in tema di riciclo della plastica, rendendole obbligatorie da una certa data. Ma così non può funzionare, perché qualsiasi decisione politica rischierebbe di essere indietro rispetto allo sviluppo della tecnologia. Occorre proporre standard industriali dal basso, altrimenti è un fallimento scritto".
 

È l'Assessore al Lavoro Elena Chiorino che ha ricordato il ruolo delle Regioni: "Queste devono aiutare l'industria e noi in Piemonte - ha spiegato - lo stiamo facendo, per esempio, creando delle Academy per formare personale specializzato e faremo tutto il possibile per aiutarle in questo percorso verso una produzione più verde e sostenibile a tutti i livelli". Il valore che viene creato per il territorio è indubbio, sono 41 i posti di lavoro diretti che sono stati creati, senza contare l'indotto che si genererà. Ma oltre a spingere le imprese verso maggiore sostenibilità, secondo Beatrice del Balzo, consigliera nazionale di Marevivo Onlus, associazione che dal 1985 lavora per la tutela del mare, è importante continuare a sensibilizzare ed educare i cittadini in tema di tutela dell'ambiente. E per raggiungere questo obiettivo, secondo Francesco Quatraro, professore ordinario di Politica Economica dell'Università di Torino, sempre più strategico sarà il ruolo dell'innovazione e dei cambiamenti, non solo delle tecnologie ma anche dei modelli di consumo.