La Liste 2020: l'Italia fa 55 (in lista) e Don Alfonso trionfa

La risposta francese ai 50 Best racconta la visione eurocentrica dell'alta ristorazione e il nostro Paese dimostra di avere molto da raccontare 
2 minuti di lettura

Il meccanismo è complesso. "Le recensioni dei migliori ristoranti del mondo  -  secondo oltre seicento tra guide e pubblicazioni giudicate attendibili da un panel composto da migliaia di cuochi dei cinque continenti - vengono inserite in un database. Ogni punteggio viene convertito in un grado standard, da 0 a 100, con tabelle di conversione specifiche per ogni guida. Alla media di tutti i punteggi, si aggiungono le recensioni online dei clienti, che pesano per il 10%". Un poderoso dispiegamento di numeri propedeutici alla compilazione della classifica di La Liste, celebrata lunedì sera a Parigi.

La risposta francese ai 50 Best, giunta alla quarta edizione, quest'anno parla italiano come mai prima d'ora, tanto da piazzare sul podio, se pur in allegra coabitazione, il Don Alfonso della famiglia Iaccarino, seguito in scia da altre grandi famiglie dell'alta ristorazione: Bottura, Santini, Alajmo, Cerea e Vissani. Più che il giudizio tecnico, potè l'ispirazione. La Liste è una creatura franco-europea. In un magnifico paiolo di rame ben lucidato si mescolano le tecniche francesi e gli ingredienti italiani, la storia dei popoli e le tradizioni culinarie, l'ispirazione romantica e l'accoglienza famigliare. Innovazione e tecnologia, marketing e mode sono spezie benedette che aggiungono sapore, ma non lo determinano. Al contrario i 50Best, nati per internazionalizzare le diverse voci della ristorazione planetaria, hanno fortemente contribuito a trasformare il mondo degli chef in un gigantesco circo mediatico e imprenditoriale, con la loro visione glamour e il collegamento stretto alle major della produzione alimentare. Una contrapposizione evidente, che unita alla scarsa propensione al riconoscimento reciproco rende i due progetti alternativi e impermeabili. 

Casa Vissani è nella top 5 de La Liste 

In attesa dei 50 Best 2020 attesi a giugno, la classifica dei Paesi con il maggior numero di ristoranti di "La Liste" vede al primo posto il Giappone (148), seguito a ruota dalla Cina (143). A debita distanza Francia (116), USA (91), Spagna (68) e Regno Unito (60). L'Italia è settima con cinquantacinque ristoranti. Dei diciassette locali che affollano il podio - quattro primi a pari merito, cinque secondi e otto al terzo posto - sei sono francesi (più Le Bernardin di New York) e sei giapponesi. A loro si aggiungono un locale svizzero, uno americano, uno spagnolo e il nostro Don Alfonso. Al di là di numeri e valutazioni, su cui si può discutere per giorni, il primato del ristorante di Sant'Agata sui Due Golfi ha molto a che vedere con il concetto stesso di ristorazione d'autore d'impronta europea. Che significa glorificazione della maison - accoglienza, calore, professionalità senza superbia, psicoelasticità -, cucina mediterranea contemporanea senza sperimentazioni aggressive, cura infinita dei dettagli. In definitiva, più festa che esperienza, più piacere che fuochi d'artificio, più morbidezza che solipsismi. Un approccio che al Don Alfonso hanno mandato a memoria da sempre e che manda in sollucchero i clienti di tutto il mondo. Provare per credere.

I MIGLIORI RISTORANTI ITALIANI

98.50
Don Alfonso 1890 - Massa Lubrense, Italia

98.00
Osteria Francescana - Modena, Italia
Dal Pescatore - Runate, Italia
8 1/2 Otto e Mezzo Bombana - Hongkong, Cina
Le Calandre - Sarmeola di Rubano, Italia

97.50
Da Vittorio - Brusaporto, Italia
Casa Vissani - Baschi, Italia

96.50
La Pergola - Roma, Italia


CLASSIFICA GENERALE (PODIO)

99.5
Guy Savoy - Paris, Francia
Le Bernardin - New York, Stati Uniti d'America
Ryugin -Chiyoda-ku, Giappone
Sugalabo - Minato-ku, Giappone

99.0
L'Arpège - Paris, Francia
Martín Berasategui - Lasarte-Oria, Spagna
Le Louis XV, Alain Ducasse - Monaco, Monaco
Kitcho Arashiyama - Kyoto, Giappone
Sushi Saito - Minato-ku, Giappone

98.5
L'Ambroisie - Paris, Francia
Alain Ducasse au Plaza Athénée - Paris, Francia
La Vague d'Or / Le Cheval Blanc - Saint-Tropez, Francia
Don Alfonso 1890 - Massa Lubrense, Italia
Manresa - Los Gatos, Stati Uniti d'America
Restaurant de l'Hôtel de Ville - Crissier, Svizzera
Matsukawa - Minato-ku, Giappone
Yanagiya - Mizunami-shi, Giappone