Obicà torna in Italia: lo ha acquistato Eccellenze campane

Un'importante acquisizione che riporta nel nostro Paese la proprietà della catena che come simbolo ha la Mozzarella di Bufala campana Doc
1 minuti di lettura

Siamo abituati oramai da tempo a marchi più o meno importanti del tessuto imprenditoriale italiano, dalla moda alla gastronomia, che prendono il volo e vengono spesso acquisiti da gruppi stranieri, che quando accade il contrario, quando un progetto che ha il Made in Italy nel dna torna in Italia, fa subito notizia. E buon umore. E' quanto successo con Obicà - Mozzarella Bar, Pizza e cucina, la catena con sedi in tutto il mondo (Italia compresa), di proprietà del fondo UK Neo Investment Partners, che da oggi entra a far parte della grande famiglia di Eccellenze Campane. Dalla spersonificazione di un grande gruppo con investimenti fortemente diversificati, alle braccia di un'impresa, quella della famiglia Scudieri, da sempre specializzata nel comparto enogastronomico di qualità, con una forte impronta territoriale.

"Siamo partiti dal Sud - sottolinea infatti Achille Scudieri, CEO di Eccellenze Campane -, fucina enogastronomica con tipicità e tradizioni riconosciute, con un marchio ormai consolidato nel nostro Paese. Andremo a cogliere le tante opportunità in Italia e all’estero, continuando a rappresentare nel mondo le eccellenze nostrane, con rinnovata enfasi per i nostri valori di autenticità e garanzia di qualità". Una strategia di espansione mirata ben precisa in cui si inserisce alla perfezione questa particolare acquisizione, che arriva dopo quella "dell’azienda vinicola Gaglio che produce il famoso Mamertino e dell’azienda vinicola Abraxas sull’isola di Pantelleria per la produzione di passito, zibibbo e nero d’Avola, cantine entrambe premiate nel settore con riconoscimenti internazionali”. 

La sede di Obicà Milano Duomo 

Dopo il vino quindi l'approdo nel terreno della ristorazione, quasi un ritorno visto l'impostazione che da sempre hanno i centri di Eccellenze Campane, con al centro un prodotto che è forse l'eccellenza campana per antonomasia: la mozzarella. Obicà si pronuncia in napoletano "obbiccà", con la prepotenza delle consonanti tipica della città partenopea, e per i creatori del brand è proprio il suono che si sente "quando si vede la mozzarella,  mozzarella morbida e gustosa, pronta per essere assaporata". In tutto i ristoranti che con questa acquisizione entrano nel gruppo Scudieri sono 19, una flotta importante capitanata dall'Italia, che da Milano a Palerno conta 8 locali, a seguire il Giappone (6), Regno unito (3) e Stati Uniti(2). Uno spostamento di asse importante, che dall'organigramma interno di Obicà hanno accolto con piacere, come sottolinea Davide Di Lorenzo, CEO del gruppo acquisito: “Per noi è un grandissimo piacere ritornare a una proprietà tutta italiana. Abbiamo infatti trovato un interlocutore che conosce alla perfezione gli elementi cardine della nostra proposta gastronomica e che ha un forte interesse alla diffusione internazionale della cultura del cibo italiano. Proprio come Obicà, che da sempre si fonda sull’equilibrio tra anima italiana e spirito cosmopolita".