Zig zag goloso tra Lucca e Versilia: teatri del gusto, lidi-bistrot e la versione marinara di Peck

Reportage da una delle zone storiche del turismo italiano: pochi stranieri ma tanta voglia di ripartire. Con alcune sorprese gourmet da non perdere, dal Ristorante Giglio al forno Pasubio di Camaiore
5 minuti di lettura

“La classe non è acqua”. Frase storica di mio nonno. E di quanti altri nonni. Quanto ce lo siamo tutti sentito ripetere a casa, nelle nostre discussioni familiari, tra Venezia e Verona, nelle terre, nei “contadi” in cui siamo cresciuti. E quante volte abbiamo percepito il senso del “ foresto”, del turista becero ed ignavo, che invadeva i nostri lidi, le nostre terre, le nostre cantine e i nostri ristoranti, depredandoli di delicatezza, gentilezza, bellezza, gusto e tradizioni tipiche delle nostre genti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori