Tutto il buono di Ferrara dagli Este a oggi, tra storia, piatti e prodotti tipici

Alla vigilia del Ferrara Food Festival il racconto di una tradizione enogastronomica strettamente legata alla diplomazia estense, ancora oggi viva e attuale / Ristoranti e trattorie: i locali da non perdere
2 minuti di lettura

C’è un angolo della pianura padana orientale dove l’orizzonte d’acqua delle risaie si confonde con quello del mare e dove il tempo della cucina ha fermato le lancette al tempo della sua massima espansione, fisse, quindi, a mezzo millennio fa. A Ferrara, la corte dei duchi estensi viaggiava a mano sicura sul duplice binario della diplomazia politica e “di tavola”: quest’ultima annotata con zelo dal supercuoco di corte, Cristoforo di Messisbugo, che nei suoi “Banchetti” riporta la cronaca esatta di leggendari convivi con un numero di portate impressionante e forse più convincenti della portata dei cannoni che difendevano l’imponente fortezza di San Michele. Immaginare

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori